Poliambulanza, “bilancio positivo”. Con un milione di passivo

0

Enrico Broli, presidente del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Poliambulanza, alla presenza di numerose autorità cittadine e del Ministro per i Beni Culturali Lorenzo Ornaghi, ha presentato nel tradizionale incontro di fine anno i principali dati d’attività 2012 ed i progetti 2013 dell’Istituto Ospedaliero con sede in Via Bissolati.

“Il momento è delicato ma la Poliambulanza non va in crisi. Nonostante i minori ricavi derivanti dai tagli dei finanziamenti al Servizio sanitario nazionel (5 milioni di Euro per il 2012 e 6 milioni per il 2013) la reazione è stata immediata e sono stati messi in campo interventi di riduzione dei costi per i beni e servizi e di riduzione di alcune voci di costo del contratto integrativo aziendale in fase di definizione con le OOSS dei medici e del comparto. Con questi interventi previsti il bilancio 2012 dovrebbe chiudersi con una perdita inferiore al milione di euro e il 2013 è previsto in sostanziale pareggio, con 6 milioni di euro di ammortamenti e 1 milione di euro di accantonamenti a fondo rischi. Non ci sarà alcun licenziamento tra il personale dipendente e la qualità delle prestazioni e dei servizi ai malati resterà inalterata. In questo momento di grave disoccupazione, soprattutto giovanile, è nostra intenzione sostenere tale livello occupazionale facendo crescere i giovani che lo meritano, accompagnati dalla attenta presenza ed esperienza del nostro tradizionale corpo medico ed infermieristico che da tanti anni opera con alta qualità. Il ponte verso il futuro nasce da questa convivenza. Altro punto fondamentale della nostra strategia rivolta al futuro è il mantenimento degli investimenti ordinari e il completamento di quelli straordinari con la costruzione della nuova piastra destinata al nuovo blocco parto, all’ampliamento del blocco operatorio e delle terapie intensive. Il fieno messo in cascina negli anni passati ci dà la serenità di affrontare questi impegni. Guai a fermare gli investimenti perché sono il motore per la salvaguardia occupazionale. Ci piace pensare che anche tante altre aziende italiane pensino come noi.”

Nell’anno trascorso Fondazione Poliambulanza ha completato il processo di integrazione dell’Ospedale S. Orsola in Poliambulanza. Alla fine del mese di luglio si è realizzato il trasferimento di tutte le attività di ricovero da Via Vittorio Emanuele II a Via Bissolati con la messa in esercizio della nuova Torre degenze e dei 190 posti letto previsti. Per i residenti del centro città prosegue l’attività ambulatoriale nei locali di Via Vittorio Emanuele II nel poliambulatorio che oggi viene chiamato Poliambulanza Centro. Nei primi mesi dell’anno 2012 è stata avviata l’attività della U.O. di Terapia Intensiva Neonatale e Neonatologia. Da settembre 2012 è disponibile per i dipendenti della Fondazione il parcheggio multipiano da 600 posti auto nella zona nord, vicino al nuovo ingresso del Pronto Soccorso, spostato anche’esso nel corso dell’anno su Via Don Pinzoni per migliorarne l’accessibilità. Entro la primavera del 2013 ci sarà anche un ampliamento del parcheggio per i visitatori che potranno anche beneficare della nuovo metropolitana utilizzando la “Stazione Poliambulanza” e la nuova viabilità che collegherà via Don Pinzoni direttamente con la rotonda di via Borgosatollo.

Broli ha inoltre sottolineato come “Nell’ottica della trasparenza e del miglioramento del dialogo con i pazienti e con tutti coloro che si riferiscono alla Fondazione ha assunto una particolare importanza la pubblicazione e la presentazione alla cittadinanza del primo Bilancio Sociale della Fondazione Poliambulanza avvenuta nel mese di settembre 2012”.

La gestione

I ricavi complessivamente ammonteranno nel 2012 a 155 milioni di euro, -2,9% rispetto al 2011. Il 93% del fatturato proviene dal SSN e per il 7% da pazienti solventi. Circa il 68% dei ricavi provengono dall’attività di ricovero, il 22% dall’attività ambulatoriale ed il 10% da altre voci di ricavo. A questi si aggiungono circa 2,7 milioni di Euro di attività di ricovero non finanziata (2,6% del totale ricoveri ) perchè superiore al budget assegnato.

I pazienti ricoverati nel 2012 saranno 32.000, in diminuzione rispetto al 2011 del 3,3%, per un totale di circa 162.000 giornate di degenza. La percentuale dei ricoveri provenienti dal Pronto Soccorso è stata di circa il 33%.

Il numero di interventi chirurgici eseguiti sarà di oltre 18.000 tra questi 750 interventi di protesica maggiore in ortopedia, 520 di cardiochirurgia, oltre 1.650 di chirurgia oncologica maggiore, 1.100 il numero di casi con diagnosi principale urgente; 450 i casi di infarto del miocardio trattati, 1.400 le procedure di emodinamica e 550 quelle di elettrofisiologia. Circa 400 sono stati i casi di malattie cerebrovascolari trattati, per la maggior parte si riferiscono a ictus ricoverati in Stroke Unit. Entro la fine dell’anno saranno 2.700 i bambini nati in Poliambulanza.

Cresce di un ulteriore 9% il numero di accessi al Pronto Soccorso di Poliambulanza, circa 65.000, con una media di 180 accessi al giorno. Oltre al numero assoluto risultano in diminuzione del 15% i codici rossi trattati (la media è di 3 codici rossi al giorno) ed in incremento del 25% i codici gialli.

 

Complessivamente sono stati registrati circa 375.000 accessi per l’attività ambulatoriale (di cui 310 mila in Poliambulanza e 65 mila Poliambulanza Centro); di questi circa 71 mila sono riferibili al Servizio di Radiologia e Diagnostica per Immagini, 67 mila al Servizio di Laboratorio Analisi e 14 mila al servizio di Endoscopia Digestiva.

Il nuovo Centro di Radioterapia “Guido Berlucchi”, il quale ha avviato la propria attività con entrambi gli acceleratori lineari nel corso del 2011, ha registrato un andamento molto soddisfacente dell’attività eseguendo 640 cicli di radioterapia il 35% dei quali con tecniche avanzate ad intensità modulata (VMAT, IMRT, SBRT). Nel 2012 è stato installato un nuovo modello di collimatore multilamellare in grado di supportare trattamenti molto selettivi capaci di ridurre fortemente i danni biologici a carico dei tessuti sani prossimi alla lesione tumorale.

Nel 2012 è entrata a pieno regime anche l’attività della Medicina Nucleare, avviata anch’essa nel 2011, nella quale sono operative una PET-CT, una SPECT-CT e una SPECT di ultimissima generazione. Nel 2012 sono stati eseguiti 4.000 esami di cui 1.600 PET.

 

Personale

Alla data del 30/11/2012 i collaboratori in servizio sono 1.836, il 90% dei quali assunti con contratto di lavoro dipendente a tempo indeterminato. La spesa per il personale ammonta a circa 88 milioni di euro e rappresenta il 57% del totale dei costi.

Attività scientifica e di ricerca

L’attività clinica di Fondazione Poliambulanza é affiancata da un’importante attività di ricerca scientifica, condotta sia in ambito clinico che in ambito pre-clinico attraverso il lavoro del Centro di Ricerca E. Menni (CREM). Anche nel corso del 2012 l’attività di ricerca del CREM si è concentrata sulle cellule staminali isolate dai tessuti placentari a termine, con particolare riguardo alla loro capacità di modulare la risposta immunitaria e di ridurre la progressione fibrotica in diversi modelli di patologia. Sono stati raggiunti risultati promettenti in modelli animali che aprono auspicabili prospettive future per un utilizzo di queste cellule in clinica nel settore della medicina rigenerativa.

Oltre a tale attività, strutturata nell’apposito centro di ricerca, vanno considerati i contributi scientifici di numerosi specialisti a convegni, congressi nazionali ed internazionali, oltre alle pubblicazioni scientifiche.

Attività di formazione universitaria

Il Corso di Laurea per Infermieri, attivato in collaborazione con l’Università Cattolica del Sacro Cuore, quest’anno ha festeggiato i 13 anni di attività con circa 240 studenti che frequentano i 3 anni di corso. Si sta concludendo in questi giorni la selezione degli iscritti al Master in Management per le Funzioni di Coordinamento delle Professioni Sanitarie con 30 posti disponibili. A febbraio 2012 ha preso avvio la seconda edizione del Master per Strumentisti di Sala Operatoria che sarà riproposto anche nel 2013.

Solidarietà

Attraverso Poliambulanza Charitatis Opera Onlus nel 2012 sono stati portati avanti 8 progetti nazionali ed internazionali e su interventi di aiuto quotidiano a pazienti indigenti.

Nel corso dell’anno sono stati raccolti circa 100.000 Euro attraverso donazioni di privati cittadini all’interno della struttura e 12.000 Euro da Fondazione della Comunità Bresciana per il progetto relativo alla lotta alla cecità in Burundi.

Gli investimenti

Nel corso del 2012 sono stati realizzati investimenti per un importo di circa 20,5 milioni di Euro, per il completamento della nuova Torre delle Degenze, per i lavori relativi all’ampliamento del Pronto Soccorso, per la realizzazione del nuovo Parcheggio Multipiano e per gli interventi sulla struttura esistente per adeguarla alla nuova dimensione dopo il trasferimento dell’attività di ricovero dell’Ospedale Sant’Orsola.

In totale il valore degli investimenti dell’ultimo triennio è superiore ai 60 milioni di Euro.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Non ci posso credere, bilancio positivo con un milione di euro di passivo. Ribaltate le regole dell’economia che vorrebbero i bilanci positivi con euro in attivo. Boh!

  2. Un terzo dei ricoveri proviene dal Pronto Soccorso, giustamente potenziato ? Curioso, non è che li portino "preferibilmente" lì anzichè al Civile ?

  3. Dipende dalla zona di provenienza, se li manda il 118.
    Poi fate un giretto al P.S. e vedete le percentuali di utenti, la provenienza, e se pagano il servizio sanitario.

LEAVE A REPLY