Sfratti, in tre giorni sei blocchi. L’ultimo questa mattina a Coccaglio a favore di una famiglia tunisina

6

Con il picchetto di questa mattina a Coccaglio sono già 6 gli sfratti bloccati da inizio settimana nel bresciano: lunedì a Orzinuovi, ieri due a Capriolo e gli altri 3 a Rudiano, Comezzano di Cizzago e Odolo; domani ancora a Capriolo e ad Adro e quindi saliranno a 8 solo in questa settimana. Dall’inizio della Campagna Stop agli sfratti del 10 settembre sono state ben 51 le azioni, picchetti ed iniziative contro gli sfratti in provincia di Brescia in 4 mesi, un’azione ogni due giorni.

ECCO IL RACCONTO DEGLI ATTIVISTI CHE HANNO PARTECIPATO AL PICCHETTO DI QUESTA MATTINA A CAPRIOLO :

La particolarità del picchetto di oggi a Capriolo non è tanto la storia della famiglia, che è comune a quella delle altre vittime della morosità incolpevole: Saidane, di origini tunisine, è in Italia da 24 anni ed ha fatto il muratore fino al 2010 quando la crisi ha falcidiato migliaia di posti di lavoro nell’edilizia privandolo del reddito per pagare l’affitto; vive con sua moglie e i suoi 4 bambini nati nel nostro paese e con un’età da 1 a 6 anni. La novità di Coccaglio, comune a guida leghista, è che davanti alla casa di Saidane c’erano anche esponenti del PD e di SEL del paese che hanno partecipato alla protesta contro gli sfratti e la mancanza di interventi istituzionali e che il 23 ci sarà sul tema un’assemblea delle associazioni di volontariato e della parrocchia locali. Intanto oggi il picchetto formato da una trentina di attivisti dell’Associazione e del Comitato ha bloccato l’esecuzione che è stata rinviata al 27 marzo. Dopo le iniziative di domani le famiglie sotto sfratto e gli attivisti per il diritto alla casa parteciperanno sabato 19 gennaio alla manifestazione contro lo sgombero dell’Hote Sirio occupato, contro gli sfratti e per la realizzazione di un centro di emergenza abitativa per sfrattati e senza tetto. Appuntamento alle ore 15 da Piazza Loggia a Brescia

Comments

comments

6 COMMENTS

  1. IO SUGGERIREI DI OSPITARE TUTTI GLI STRANIERI NELLE NOSTRE CASE. AGGIUNGIAMO UN POSTO A TAVOLA DAI RAGAZZI DOBBIAMO ESSERE MAGGIORMENTE SOLIDALI E VOI CARE DONNE FATE QUEL CHE POTETE.
    CIAO. E MENO MALE CHE CI SIETE VOI DI DIRITTI X TUTTI. AH DIMENTICAVO POI LORO FARANNO LO STESSO NEI LORO PAESI.

  2. ce poco da fare lo spiritoso. il dramma degli sfratti riguarda tutti noi, perché una famiglia per strada é un problema per tutti. la disperazione genera pericolo. quindi non scherzare. razzistello.

  3. E’ molto preoccupante la costante che trovo negli articoli che leggo qui in merito al blocco degli sfratti di questa ssociazione: per la maggior parte dei casi si tratta di stranieri (e qui nulla da obiettare). Per la maggior parte dei casi si tratta di stranieri che hanno perso il lavoro (e qui nulla da obiettare, sono i primi che pagano la crisi). Poi leggo che hanno dei figli, molti dei quali nati DOPO la perdita del lavoro. E qui uno si domanda: ma perchè, se sei in una famiglia monoreddito e non hai lavoro, fai i figli?

  4. se comincia a passare la regola che non sei più proprietario del tuo immobile, anche con inquilini morosi, più nessuno affitterà. Ma forse queasto è fin troppo ovvio per delle menti raffinate come quelle dei comitati

  5. "nessuno più affitterà": e dov’é la tragedia? trattasi di regola elementare del mercato: male che vada, anche chi ha un immobile da affittare avrà interesse a che che ci siano persone in grado di pagare l’affitto. E magari non voterà per chi riduce i lavoratori in miseria con le porcate sulla flessibilità a senso unico o costringe grandi masse di migranti alla clandestinità. Magari preferirà che chi lavora e vorrebbe una casa in affitto abbia un contratto regolare e sicuro, non al nero o precario. SVEGLIAAAAAAA!!!!!!!

  6. se comincia a passare la regola che non sei più proprietario del tuo immobile, anche con inquilini morosi, più nessuno affitterà. Ma forse queasto è fin troppo ovvio per delle menti raffinate come quelle dei comitati

LEAVE A REPLY