Brescia, all’università ci sono le matricole ma mancano i fondi

0

In controtendenza con la media nazionale a Brescia gli iscritti all’università sono in aumento, passando da   3.562 a 3.759. "Le macroaree di studio della nostra università hanno risposto positivamente alle esigenze del territorio ed è per questo che gli iscritti non calano – afferma Daniele Marioli, prorettore della Statale di Brescia al Corriere- a Medicina, dove c’è il numero chiuso, la quota di possibili matricole è stata aumentata dal ministero; Ingegneria, in Italia e all’estero, è un’area che continua a crescere; Economia e Giurisprudenza si attestano in pratica sui consueti numeri". Nella media nazionale invece il calo delle risorse e dei fondi. Per Marioli "Bisogna scegliere, ma questo è il compito della politica: non solo in Germania o in Francia, ma anche in Spagna stanno investendo molto in ricerca, e se si investe in ricerca si taglia da qualche altra parte. 

Comments

comments

LEAVE A REPLY