Sicurezza, Rolfi: “Imperativo ripristinare il reato di clandestinità. Basta buonismo”

0

In merito all’appello lanciato dall’UGL della Polizia di Stato di Brescia, è intervenuto l’assessore alla sicurezza del Comune di Brescia e candidato alle elezioni regionali per la Lega Nord, Fabio Rolfi.

“Condivido – commenta Fabio Rolfi – le  preoccupazioni espresse dal segretario generale dell’UGL di Brescia, Santino Barbagiovanni, in merito alla problematiche sulla sicurezza.  Mi permetto però di essere in disaccordo quando afferma che questo tema è stato dimenticato da tutti i candidati; la Lega Nord infatti non ha scordato la sicurezza e il sottoscritto ha lanciato proposte su questo tema in diverse occasioni. Il 31 gennaio scorso, ad esempio, ho indetto una conferenza stampa dove ho annunciato che fra i miei primi impegni c’è la costituzione di una commissione antimafia permanente in seno al Consiglio regionale e la richiesta avere di una sede decentrata della DIA nella nostra Provincia. Inoltre nel mio programma elettorale ho inserito diverse proposte sul tema della sicurezza: anzitutto c’è la possibilità di derogare al patto di stabilità le spese di mantenimento e potenziamento della polizia locale dei Comuni. In secondo luogo chiederò che venga siglato un “patto per la sicurezza” a livello regionale, con bandi ad hoc e stanziamento di fondi specifici per i progetti di ordine pubblico.  Infine ritengo sia imperativo ripresentare il reato di immigrazione clandestina, la cui mancata applicazione sta creando problemi di notevole rilievo.
A prescindere dalle mie proposte però i dati forniti dall’UGL, se confermati, sono molto indicativi della situazione generale del Paese. Stando alle stime nell’ultimo anno i reati sono aumentati del 5,4%, con un picco del 21% per i soli furti di appartamento, numeri di gran lunga superiori rispetto a quando alla guida del Ministero dell’Interno c’era Roberto Maroni. Queste cifre dimostrano in maniera palese, non soltanto il menefreghismo del Governo in merito alle tematiche della sicurezza e dell’ordine pubblico in generale, ma anche la gravità di una situazione che, in periodo di forte crisi economica e senza le dovute contromisure, non potrà che peggiorare. Serve meno buonismo e meno pietismo, più fondi e strumenti alle forze dell’ordine ed alle polizie locali, più certezza della pena e – conclude Fabio Rolfi – severità contro i delinquenti.”

Comments

comments

1 COMMENT

  1. E incoraggiante l’interventismo del vicesceriffo delle ultime settimane. Probabilmente sente la terra cedere sotto i piedi e cerca disperatamente un appiglio per salvarsi dalla catastrofe elettorale. Forse il vice sceriffo non sa che esistono normative europee e che tentativi maldestri (rientro forzato immediato ecc…) fatti da Berlusconi per compiacere l’alleato verde sono stati pluricondannati dall’Europa, piaccia o non . Piaccia o no siamo in Europa e finchè il vice sceriffo, con le sue capacità di statista, non riuscirà a farci uscire dall’Europa, ne dobbiamo rispettare le leggi comunemente concordate.

  2. Ma perchè non vai a commentare le banalità dette dagli quegli zombi del pd? Del resto basta vedere come è conciata milano dopo solo 1 anno e mezzo di cura Pisapia….zingaropo li è finalmente realtà!

  3. BELLA FACCIA .. ADESSO DALLA REGIONE VIGILERA’ SU BRESCIA, MA SPERO E CREDO CHE I BRESCIANI NON SIANO COSI CIECHI, DOPO SVARIATI INCARICHI, ANCHE QUELLO REGIONALE,,, ROBOCOP!!

  4. mah, troppe volte ho sentito che la sicurezza era in primis per la lega a brescia ma poi il vice sindaco si e’ perso nelle cariche di poltrone e casini vari.troppi incarichi mi dispiace,non e’ piu’ credibile anche perche’ per brescia ha ancora un mandato da eseguire, e non e’ cosi che si dimostra di essere bresciani e attaccati alla terra di origine e al suo popolo,invece si e’ attaccati alle sedie piu’ prosperose,non voto lega xxx ha ragione.

  5. Ogni giorno super rolfi interviene su 3 o 4 argomenti a piacere, lavoro, sicurezza, autobus, scuola, mense, bidelli, cavallette, terremoti, e in tutti questi interventi c’è sempre la sua protesta per le cose non fatte e la richiesta ad altri (provincia, regione, stato) affinché intervengano sull’argomento con nuove leggi, nuovi interventi, nuovi finanziamenti, ecc. Ma rolfi fino a ieri dov’eri? Guarda, se magari se te lo sei dimenticato, che la provincia ed il comune di Brescia sono governati ancora dalla lega e dal pdl, la Lombardia è stata governata negli ultimi 20 anni da lega e pdl, lo stato italiano è stato governato fino ad un anno fa da lega e pdl, quindi se le cose non vanno ti converrebbe stare più calmino e rivolgere le tue filippiche all’interno del tuo partito celtico e dell’alleanza che la lega ha costruito, mantenuto e nuovamente riattivato (sia mai che qualcuno perda la propria poltrona) in occasione di queste elezioni. Fallito

  6. la legge è uguale per tutti.Certo che se gestite la sicurezza come,ad esempio,gestite i concorsi per l’assunzione del personale,come nei comuni in cui amministrate voi leghisti!?!…Campa cavallo!!!!!!

  7. le carceri si svuotano degli ospiti internazionali e i nostri delinquenti staranno alle larghe ….
    a baita i clandestini che quì vivono, spacciano, rubano, stuprano etc etc …..

  8. Avanti con le chiacchiere, soprattutto ora che ci sono le elezioni. L’ampollaro padano dedito ai riti tribali avversa a chiacchiere l’illegalità extracomunitaria, ma difende a spadone tratto l’illegalita degli indigeni dediti alla movida, che altro non e’, dopo le 23, che un altro rito tribale a base di alcolici invece che di acqua del suo dio Po. Se questi saranno i reggitori delle sorti della Lombardia, c’e da inorridire.

  9. il paragone con quelli della movida è uguale ai cavoli a merenda….se poi i reggitori saranno invece come quelli che han gestito il monte paschi di siena…a bhe allora siamo a posto qua qua e fai bene a inorridire qua qua……..qua !

  10. C’entra, eccome! L’individuo di cui trattasi fa il legalitario ad oltranza, piu’ a parole che nei fatti, con gli extracomunitari, ma rispetto agli avvinazzati indigeni e alle loro violazioni si trova a fare il nesci. Di piu’: li sostiene, per poter far passare la favola del risanamento cercando di attribuirsene il merito. In realta’ il quartiere era stato restituito alla normalita’ dopo un decennio di lotta condotta dai residenti. I gestori dei locali sono arrivati solo ad opera conclusa, mentre Rolfi e’ arrivato ancora dopo a metterci il cappello. Le e’ chiaro il collegamento? Quanto al riferimento a MPS, sfonda una porta aperta. Probabilmente e’ portato a pensare che che se si critica un soggetto di destra si e’ di sinistra, e viceversa. Ragionamento elementare. Io faccio mio il motto di Corrado Alvaro " La disperazione piu’ grave che possa impadronirsi di una societa’ E’ il dubbio che vivere onestamente sia inutile".

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome