Anche Brescia celebra oggi la Giornata europea in memoria dei giusti

0

(a.c.) Celebrare e commemorare coloro che si sono opposti con responsabilità individuale ai crimini contro l’umanità e ai totalitarismi. Questo il concetto fondante della Giornata europea in memoria dei giusti che si celebra oggi. Anche Brescia, per la prima volta, ha organizzato una bella iniziativa, su sollecitazione dell’associazione culturale "Filosofi lungo l’Oglio" e in collaborazione con il Comitato per la Foresta dei giusti Gariwo e la Casa della Memoria.

Alle ore 11 presso il parco Tarello di Brescia 2 saranno piantati alberi che andranno a formare il "Giardino dei giusti" in memoria di sette persone la cui esistenza è stata caratterizzata dalla lotta a ogni forma di violenza e da importanti opere di umanità. Queste persone sono

Raphael Lemkin, ebreo polacco, colui che ha coniato il termine genocidio. Teresio Olivelli, partigiano bresciano. Etty Hillesum, vittima di Auschwitz dove fino all’ultimo cercò di alleviare le sofferenze di tanti compagni di pena. Monsignor Carlo Manziana, colui che con forza ha denunciato l’incompatibilità della dottrina fascista con i principi del cristianesimo. Jan Patocka, filosofo, anima del movimento Charta 77. E infine Angelo e Caterina Rizzini, che salvarono Emma Viterbi e il figlio Paolo sfidando le leggi razziali fasciste a rischio della propria vita.

Comments

comments

LEAVE A REPLY