Metrobus-mania, ma non mancano le polemiche su orari, parcheggi, bici e cani

0

La metro-mania ha conquistato tanti bresciani, 40 mila solo secondo i dati elaborati da BresciaMobilità nella seconda giornata della nuova infrastruttura cittadina, disposti persino a cambiare le proprie abitudini di viaggio e ad abbandonare l’automobile pur di viaggiare sottoterra e sentirsi un po’ più metropolitani. Ma ogni rosa, si sa, ha le sua spine, e così anche il nuovo Metrobus ottiene tanti complimenti, ma anche le prime critiche. Innanzitutto gli orari di apertura e chiusura, oggi fissati dalle 6 alle 22, ma rei di lasciare a piedi chi fa il doppio turno, o semplicemente chi vuole recarsi in centro per cenare e all’uscita non trova alcun mezzo pubblico per riportarlo a casa, magari dall’altra parte della città. Un’altra lamentela riguarda gli orari del week end, che secondo Brescia per passione dovrebbero essere prolungati per consentire di spostarsi in città velocemente, in tutta sicurezza e senza preoccuparsi di aver bevuto un bicchiere di troppo. Punto interrogativo per tanti ciclisti e padroni di cani è la possibilità di salire sulla metropolitana con bicicletta e fido al seguito. Per i primi esistono delle limitazioni di orario, che impongono il divieto nelle ore di punta per evitare di occupare troppo spazio e creare disagi agli altri passeggeri, per i secondi, invece, il limite riguarda la taglia. I piccoli possono salire, muniti di museruola (da indossare se mordaci o tenere in tasca in caso di necessità), per le taglie medie e grandi, invece, scatta il divieto. E c’è qualcuno a cui non va proprio giù, specie a coloro che, guardando a uno delle immagini della campagna pubblicitaria del Metrobus che ritraeva una giovane donna in compagnia del proprio cane di grossa taglia (un labrador) mentre saliva in carrozza, pensava di poter fare lo stesso. Si sbagliava. Altro problema segnalato dagli utenti è la mancata realizzazione, o ultimazione, dei parcheggi scambiatori. Dovevano essere quattro, al Prealpino, Casazza, Poliambulanza e Buffalora.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. La metro ha aperto l’altro ieri, santo cielo! Possibile che nessuno si renda conto di quanto è assurda e ridicola questa pesante cappa di egoismo che vuole "tutto perfetto tutto subito"? Tutte queste faccende hanno bisogno di una loro messa a punto graduale e verranno sicuramente sistemate col tempo, come già è stato detto per molte (orario di funzionamento ecc). E basta con questi benedetti rolfi, e labolani, e paroli, e mica paroli, e mio nonno e mia nonna! BRAVI TUTTI! Nei libri di storia, quando si parla della costruzione di grandi palazzi, di grandi cattedrali, di grande opere pubbliche, di grandi infrastrutture, sono sempre citati i re, principi, sindaci, abati, presidenti ecc ecc che ne hanno permesso la realizzazione, e sui libri di storia di Brescia, la metropolitana finirà sotto i loro nomi, che vi piaccia o no! BRAVI TUTTI! Evviva la metropolitana e chi ne ha permesso la realizzazione, evviva il futuro, evviva la nostra città e i suoi amministratori, di ogni tempo e di ogni parte politica, evviva il futuro e chi sa guardare verso di esso! Per quanto mi riguarda, lascio la macchina alla Volta e il traffico di tangenziale sud-tangenziale ovest-via oberdan fino all’università, dall’altro ieri, ha un’automobile in meno, e non solo la mia. Evviva e grazie!!

  2. la metro è costata più di 5mila euro per abitante del comune (20.000 per una famiglia media) e voi elogiate questa roba assurda?

  3. ma prima di chiacchierare inutilmente, hai provato a prendere il mezzo? 6 minuti da Mompiano alla Stazione. Ha ragione Roberto, la metro è proprio bella e utile, e io sono orgogliosa di essere bresciana!!! E’ già stato ribadito più volte che gli orari sono provvisori e saranno allungati, in superficie alcuni lavori non sono ancora terminati, ma portate un pò di pazienza!!!
    Secondo me qui c’è qualcuno che pensa che criticare sempre tutto e tutti sia snob, per me è da ignoranti!

  4. si ho provato a prendere il mezzo e ho fatto anche 2 conti in merito alla convenienze. la convenienza a sostituire la metro al mezzo privato c’è solo se le fermate sono a meno di 300 mt da abitazione o lavoro. inoltre il 50% del traffico cittadino è dato da chi si reca in città dai paesi limitrofi, non collegati dalla metro. aggiungo che sinceramente la cifra di 6mila euro a cittadino mi sembra esagerata e che nell’ultima settimana il traffico non è diminuito minimamente (e io faccio tutti i giorni in orario di punta asse nord-centro). risultato: chi prende la metro è lo stesso utente che prima prendeva l’autobus. fate voi 2 conti

  5. Siamo gia alle sentenze definitive? Sicuro che gli utenti della metro siano gli stessi degli autobus?
    Io aspetteri almeno fino a fine anno, aspettare i dati reali e poi fare le dovute valutazioni.
    Basand oci solo sull’esperienza personale si commettono errori grossolani: ad esempio io vedendo che un 30% dei miei colleghi di ufficio usano la metro mentre prima non usavano la filo, potrei concludere che c’è stato un forte incremento dell’utilizzo dei mezzi.
    Chi ha ragione?

  6. è vero quanto afferma Mace @si! anche io ho sentito parecchia gente che ha deciso di utilizzare la metro, mentre prima non si sarebbe mai sognata di prendere l’autobus! c’è addirittura chi viene a studiare a Ingegneria da Iseo, che grazie alla metro guadagna 1 ora di tempo al giorno, riuscendo a prendere treni a orari più comodi. La metro è una cosa buona, impariamo ad apprezzare le novità e guardiamo al futuro!

  7. ma cos’è sta storia che gli integrati sia saia apam da ieri non sono più validi??
    prima ci fanno comprare gli abbonamenti e poi ci dicono che non possimao??

  8. Comunque mancano le panchine per l’attesa, la macchinetta obliteratrice a bordo per chi arriva di corsa e non ha tempo di fermarsi prima, dei maniglioni più comodi per chi non è abbastanza alto da raggiungere quelli esistenti. E’ vero, sono dettagli che si possono mettere a punto con il tempo, ma di tempo mi pare che ce ne sia già stato a sufficienza visto che i primi viaggi "di prova" sono iniziati già dal mese di settembre 2012!
    Per non parlare dei parcheggi: da quanto tempo si sa che servono e come mai non sono stati fatti prima? Forse perché c’è più interesse a realizzare il parcheggio sotto al castello?

LEAVE A REPLY