“Il caos inimitabile”, la terza fatica del bresciano Michele Sgarro

0
Il caos inimitabile di Michele Sgarro, scrittore bresciano, immagina un incontro tra D'Annunzio e Pirandello
Il caos inimitabile di Michele Sgarro, scrittore bresciano, immagina un incontro tra D'Annunzio e Pirandello

Due fiumi impetuosi che scorrono vicini , senza mai mescolarsi le acque e , men che meno, offrirsi un “ponte” di comprensione. Il più irrequieto e irriverente sorge a Pescara il 12 marzo del 1863 e diventa inimitabile , l’altro nasce in Sicilia, nel Caos  del 26 giugno del 1867 , a Girgenti : il più anziano diventerà “profeta” o, meglio, vate d’Italia dell’Isonzo, di Caporetto e di Vittorio Veneto , l’altro premio Nobel nel 1934, in piena apologia fascista. Acqua pazza e acqua savia che non si sono mai congiunti , nemmeno in una piccola ampolla orgogliosa. E allora un nostro bresciano di 51 anni si è immaginato questo incontro/scontro epocale: , nel suo terzo romanzo, inventa una storia fantastica, con alle spalle lo scenario del Vittoriale degli italiani, ancora da divenire tale, perchè siamo nel ferragosto del 1928 , dieci anni dopo la fine della grande guerra. Fantasia autentica impregnata di personaggi veri che mettono in scena una ottima commedia pirandelliana, fatta di caos inimitabile ( da qui il titolo: IL CAOS INIMITABILE  ndr ) : musica, baccanali, parole tronfie e battute sarcastiche, sensualità e fascino femminile discreto o perverso,  fanno delle 244 pagine un tutt’uno con la voglia dello scrittore di riportarci alle origini di una  cultura verista, risorgimentale e decandente. Con lo scopo, però, quasi autobiografico, di contrappore due personalità  agli estremi di una esistenza normale: una impostata sulla vita da vivere e scrivere sempre al limite della sopportazione e della depravazione, e l’altra al limite della crudezza e della rassegnazione, da scrivere per mancanza di coraggio a viverla fino in fondo. Un’atmosfera surreale, e uno scrivere in maniera “antica” , accompagna il lettore per stanze e giardini, cuori e menti di altri tempi, dove l’estetismo e l’estatismo, quindi il bello della irrazionalità, violentano il pragmatismo e il cervellotico ruminare di pensieri intrisi di realtà nuda e cruda. Forse l’unica cosa, in modo del tutto retorico, che accomuna i due è questa : l’immortalità del loro scrivere per gli altri. Gabriele D’Annunzio e Luigi Pirandello tornano a noi in modo sobrio e sorprendente e tutto questo grazie ad un “ragioniere” che ha dovuto subire la violenza della matematica, unica opinione da lui ritenuta indiscutibile. Il libro si trova da Resola Libreria  di corso Garibaldi a Brescia e dal Librarycafè di Rezzato Via Europa 11 per chi adora ancora l’odore dei libri e un buon caffè, su www.caosfera.it per chi ama le tecnologie moderne.

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome