Incidenti sul lavoro, Acli: “La crisi rallenta la crescita della cultura della sicurezza”

0

Sul lavoro si continua a morire. Fanno riflettere i dati presentati dall’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering relativi agli incidenti mortali sul lavoro nei primi mesi di quest’anno. “E’ vero che nel primo bimestre del 2013 i morti in Italia sono stati 49, cioè il 25,8% in meno rispetto all’anno precedente, quando furono 66. E questa è sicuramente una buona notizia – si legge in una nota dell’Acli di Brescia – Che però va messa in relazione con la situazione occupazionale e la crisi economica. Oltre al fatto che il numero di occupati è diminuito, va poi tenuto presente che in un momento come quello che stiamo vivendo molte persone sono disposte ad “inventarsi” un lavoro o ad accettare occupazioni con meno tutele”. “Mettendo dunque a rischio la sicurezza. La nostra provincia (insieme a Ferrara e Cosenza), detiene il triste primato con 3 decessi dall’inizio dell’anno – continua il comunicato -. E siamo al 19° posto nella classifica per l’incidenza tra numero di decessi e numero di occupati. In termini numerici è la Lombardia a risultare la regione più colpita con 10 vittime. Eppure in tema di sicurezza le norme non mancano. Il fatto che i settori più colpiti siano grosso modo sempre gli stessi (agricoltura ed edilizia in primis), indicano la fatica che sta facendo la cultura della sicurezza, che da molti (imprenditori e lavoratori) viene vista come un impedimento e un freno alla crescita. Come associazione di lavoratori ci preme ricordare l’importanza della formazione, per fare in modo che cresca una cultura del lavoro che metta al centro la sicurezza e la persona. Il tema della sicurezza del lavoro dovrà entrare nell’agenda del prossimo governo, che potrebbe detrarre le spese che le imprese destinano alla formazione sulla sicurezza dei lavoratori. Come Acli abbiamo a cuore questo tema. Essere attenti alla sicurezza dei lavoratori significa anche concretizzare l’attenzione al valore della vita, che viene prima di qualsiasi esigenza produttiva”.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome