Castegnato, conclusa la variante al PGT: no a nuove discariche

0
Bsnews whatsapp

Iniziato il 12 maggio 2011, l’iter per la variante al Piano di Governo del Territorio di Castegnato è arrivata all’approvazione definitiva del Consiglio comunale dopo venti mesi e nei prossimi giorni i documenti, già disponibili sul sito del comune, saranno pubblicati sul sito della Regione Lombardia.

 

“Questa variante – spiega l’assessore all’urbanistica Edoardo Corongiu – è anche figlia della volontà delle quattro amministrazioni di Castegnato, Paderno, Passirano, Ospitaletto, che hanno approvato un documento in cui si impegnavano a fare una variante sull’ATE 10 e a produrre un progetto alternativo alla discarica a Bosco Stella. Questo obiettivo è contenuto nella delibera di approvazione la quale, tra l’altro, formalizza la volontà dell’amministrazione comunale, per quanto di competenza, di vietare su tutto il territorio di Castegnato l’insediamento di nuovi impianti di conferimento e smaltimento rifiuti (discariche), in quanto incompatibili con il contesto ambientale ed ecologico esistente. Abbiamo inoltre mantenuto l’impegno di non prevedere alcun aumento di area destinata ad insediamenti residenziali, anzi sono stati diminuiti con l’abolizione di un comparto, quelli già decisi dal PGT nel gennaio 2009.”

Altro punto importante della variante riguarda l’ampliamento di una importante azienda per garantire due importanti risultati che non vengono in alcun modo considerati da alcune critiche: la sua continuità dell’attività produttiva a Castegnato, il mantenimento ed incremento dell’occupazione locale. Questa operazione ha consentito al Comune di introitare una parte degli oneri concorrendo in questo modo a rispettare il Patto di Stabilità. Ma non è tutto: sarà possibile realizzare la viabilità anche ciclo pedonale dall’isola ecologica (via Risorgimento) sino alla Statale 11 ai confini con Ospitaletto.

Altri punti toccati dalla variante sono l’eliminazione della previsione di insediamenti in via Franchi (lotto di 3420 metri quadrati) portando l’area alle previsioni originarie di parcheggio e verde; la ridefinizione senza aumento complessivo di superficie dell’area ad est della Pianera, confermando la viabilità esterna al centro abitato, salvaguardandolo.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI