Acqua, A2A rassicura i bresciani: negli ultimi 20 anni nessuna traccia di pcb

0

Dopo le notizie allarmanti uscite dalla puntata del programma televisivo “Presadiretta” dello scorso 31 marzo, il gruppo A2A ciclo idrico ha divulgato un comunicato per rassicurare i cittadini. "Si precisa che l’acqua distribuita dal civico acquedotto cittadino, gestito da A2A Ciclo Idrico, è pienamente conforme al Decreto Legislativo 31 del 2 febbraio 2001 che disciplina la potabilità delle acque adibite al consumo umano – si legge nella nota – Ciò è dimostrato dai risultati delle oltre duemila analisi effettuate ogni anno da A2A Ciclo Idrico (in aggiunta a quelle dell’ASL) nei pozzi, nelle sorgenti e lungo la rete di distribuzione della città di Brescia. In particolare non è mai stata riscontrata la presenza di PCB in oltre vent’anni di controlli analitici eseguiti. Tutte le analisi effettuate da A2A Ciclo Idrico vengono annualmente trasmesse per competenza all’ASL.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Io ho 45 anni e quando avevo 10 anni bevevo dalle fontane di Fiumicello e via Carducci, la Caffaro inquinava a pieno regime e non c’erano controlli……….. .che ne pensare?

  2. E come siamo a livelli di cromo esavalente ? Ci spiegate ( prima che ci arrivi la televisione ! ) quali sono i livelli reali e quali i rischi , quali le contromisure da adottare e le cose da evitare da semplici cittadini ? Volete la nostra fiducia ? Meritatevela .E come siamo a livelli di cromo esavalente ? Ci spiegate ( prima che ci arrivi la televisione ! ) quali sono i livelli reali e quali i rischi , quali le contromisure da adottare e le cose da evitare da semplici cittadini ? Volete la nostra fiducia ? Meritatevela .

LEAVE A REPLY