Crimi (M5S): “A Brescia famiglie che vivono nei container. Serve il reddito di cittadinanza”

0
Bsnews whatsapp

Con una nota il bresciano capogruppo al Senato del M5S Vito Crimi racconta la propria visita ad un gruppo di famiglie che, sfrattate, hanno occupato tre container dove prima vivevano gli operai del Metrobus.

DI SEGUITO IL TESTO DELLA NOTA:

Questa è una delle tante storie legate alla crisi, una storia di dignità.  Son tornato a Brescia nel week end e sono andato a trovare delle famiglie che hanno occupato dei container. Sono famiglie che sono state sfrattate per morosità incolpevole. La morosità incolpevole è la morosità dell’affitto legata alla perdita del lavoro, quindi non per furbizia o per altri motivi, ma semplicemente perchè la perdita del lavoro ti porta a perdere la capacità di reddito che consente di poter pagare l’affitto. Famiglie che si sono trovate di punto in bianco in mezzo a una strada, sfrattate. Solo nella città di Brescia sono 700 i casi di questo tipo. Nel cantiere del Metrobus di Brescia ci sono tanti container che ospitavano gli operai, container perfettamente agibili con aria condizionata e riscaldamento all’interno. La ditta ha dato disponibiltà al Comune di lasciarli e il comune ha preferito farli togliere. Nel momento in cui stavano per smantellarli le famiglie se ne sono accorte. Hanno occupato gli ultimi 3 ancora rimasti il 25 aprile. L’unica soluzione che hanno trovato queste famiglie è stata quella di andare a vivere in questi container. Per questo dobbiamo andare avanti sul primo punto del nostro programma: il reddito di cittadinanza. Nessuno deve rimanere indietro. Queste situazioni non devono più accadere.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. A digiuno di economia, come mi è sempre stato rimproverato, mi chiedo, al di là dell’ovvia compassione per le famiglie in difficoltà, come si possa pensare di riconoscere un "reddito di cittadinanza", per definizione indistintamente. A chiunque non abbia lavoro? E, fra quanti non hanno lavoro, a chi non l’ha perché non lo trova o a chi non l’ha perché non lo cerca, per se’ ritenendo al limite bastante il reddito di cittadinanza? E se a questi no ma a quelli sì, quali prove verrebbero mai richieste rispetto alla sussistenza dell’una o dell’altra condizione?

  2. Specificare a quali cittadini ci si riferisce, di quale cittadinanza (svizzera, ghanese, albanese, canadese, ecc), limiti di reddito familiare, eventuali proprietà, dove si prendono i soldi, chi pagherà più imposte, chi avrà meno serizi, ecc. Il resto sono vuote e paciose chiacchiere.

  3. Morfeo qui e’ un genio….se ne e’ accorto solo ora ( in 2 mesi che e’ al senato ) della crisi e della poverta’ , quando stava in tribunale che faceva ? dormiva ? Come al solito e’ tutta aria fritta anzi nemmeno piu’ fritta ma ormai bruciata

  4. Quando vi ridurrete lo stipendio faraonico? Che aspettate a presentare la proposta d’abolizione di finanziamento pubblico ai partiti e l’atto di rinuncia allo stesso?Vi state fregando le mani perchè siete entrati nella casta?

  5. ma sei matto Masaniello ? la loro prima proposta di legge dopo 1 mese e mezzo e’ stata l’omofobia ed il matrimonio per i gay . E vogliono parlare di lavoro e di container ? ( mode insult on ) hai voglia di spiegarlo a piergi

RISPONDI