Centro storico, per il Pd “il grande fallimento della giunta Paroli”

3
Bsnews whatsapp

Con un comunicato due esponenti del circolo Pd Brescia Centro – il coordinatore Fabio Negrini e il Capogruppo PD Circoscrizione Centro Giuseppe Tognazzi, entrambi candidati consiglieri per la Loggia 2013 – accusano la giunta Paroli della condizione in cui versa il centro storico di Brescia, frutto, a detta dei due, di scelte “fallimentari”.

DI SEGUITO IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO:

Al termine della tornata amministrativa della Giunta Paroli possiamo dire che il Centro Storico è stato il  grande fallimento della Giunta Paroli. Nelle politiche riguardanti il Centro Storico non si è operato con razionalità ma spesso con capriccio. All’inizio la Giunta ha fatto un piano sosta che portava più macchine in centro, con parcheggi anche nelle piazze di maggiore pregio. Ha reso promiscui posti che prima erano destinati ai soli residenti. Ha limitato gli orari delle ZTL. Poi ha iniziato a presentarsi come la Giunta delle pedonalizzazioni, riportando le piazze sostanzialmente alla situazione della Giunta Corsini, dopo avere speso decine di migliaia di euro nella cartellonistica stradale cambiata e ricambiata. Esaurita l’onda d’urto del Piano Carmine, il Centro Storico è stato abbandonato a se stesso. I negozi vengono abbandonati. La riqualificazione degli edifici si è fermata. Il piano di governo del territorio non pare definire strategie per il rilancio atteso da cittadini e commercianti. Il  problema dei parcheggi per i residenti si è aggravato. I controlli serali della polizia municipale sono praticamente inesistenti. La mancata manutenzione di strade e marciapiedi è sotto gli occhi di tutti. Il progetto del Campus universitario nella Caserma Randaccio pare essere svanito. Appena eletta cinque anni fa la Giunta -quasi per un capriccio dell’assessore Labolani- ha chiuso  la biblioludoteca del Centro Storico appena ultimata dalla Giunta Corsini. Poi per un altro capriccio ha tolto le panchine di piazza Rovetta. È stata poi demolita la pensilina di piazza Rovetta (altro capriccio) per metterci un inutile teatrino. Anche la vicenda del Bigio appare un capriccio: nessuno  poteva pensare che il Bigio fosse una priorità nella agenda della città. Ma una Giunta che agisce per capriccio diventa una Giunta del raccapriccio. Sul Centro Storico la nuova Giunta dovrà operare con razionalità e non inseguendo i capricci di qualche assessore, cercando soprattutto di favorire il recupero di edifici abbandonati (pubblici e privati).

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

3 COMMENTI

  1. Da che pulpito arriva la predica! È meglio che tacciano queste persone! Vogliamo ricordare come era il centro storico con Corsini? Vogliamo ricordare che la delinquenza era di casa? Vogliamo ricordare che a passeggiare per il centro da solo dovevi avere paura? Ricordiamo… Ricordiamo…se questi signori del pd tornano, sicuramente la pensilina ( che tra l’altro era piena di bancarelle cinesi ) e la ztl passeranno in secondo piano in quanto il centro storico tornerà allo stato di degrado che aveva fino a 5 anni fa e sarà meglio evitarlo! Complimenti!Da che pulpito arriva la predica! È meglio che tacciano queste persone! Vogliamo ricordare come era il centro storico con Corsini? Vogliamo ricordare che la delinquenza era di casa? Vogliamo ricordare che a passeggiare per il centro da solo dovevi avere paura? Ricordiamo… Ricordiamo…se questi signori del pd tornano, sicuramente la pensilina ( che tra l’altro era piena di bancarelle cinesi ) e la ztl passeranno in secondo piano in quanto il centro storico tornerà allo stato di degrado che aveva fino a 5 anni fa e sarà meglio evitarlo! Complimenti!

  2. Da che pulpito arriva la predica troppo comodo fare campagna elettorale screditando gli altri,troppo facile cominciate a proporre cose serie..

RISPONDI