Coltivavano marijuana nell’armadio: arrestati e condannati due giovani di Dello

22
Bsnews whatsapp

La loro attività lavorativa era diventata coltivare marijuana nell’armadio di casa per poi rivenderla e guadagnarsi così lo stipendio mensile. Ma i carabinieri di Verolanuova non se li sono lasciati scappare. Dopo aver fermato i due giovani alle 4 di notte mentre rientravano a casa e averli trovati in possesso di una piccola quantità di sostanza stupefacente, i militari hanno proceduto alla perquisizione di entrambe le abitazioni. E’ qui che, celate nell’armadio hanno trovato la coltivazione abusiva di marijuana. Dodici piante e un chilo e mezzo di “erba” già pronta da vendere. Per i due ragazzi è scattato l’arresto e la condanna: l’uno a 2 anni e 8 mesi di reclusione (e 12 mila euro di multa), l’altro a 10 mesi e 20 giorni di carcere e 1.200 euro di multa. Quest’ultimo però potrà beneficiare della sospensione condizionale della pena.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

22 COMMENTI

  1. sinceramente credo che la pena sia di gran lunga superiore al reato commesso. Se pensiamo che esistono paesi in cui non si tratterebbe nemmeno di reato, come è possibile che l’ordinamento italiano condanni un giovane a più di due anni per aver coltivato e venduto un pò di maria…

  2. Ma quando si smetterà di perseguitare la gente per queste cose? Impiegare le risorse per contrastare i delinquenti veri no eh? Meglio continuare, con il proibizionismo, a favorire gli affari dei mafiosi trafficanti in grande stile, quelli che fanno girare le tonnellate di cocaina ed eroina e che poi investono i proventi con beneficio del PIL…

  3. Quanti di voi pensano che i carabinieri abbiano fatto una cosa socialmente utile e che sia grave coltivare marijuana in casa? Sinceramente pochi!!

  4. Il compito dei Carabinieri non è quello di fare cose socialmente utili, ma di sbattere in galera chi non rispetta la legge.

  5. Certo, la legge va SEMPRE fatta rispettare: è quel che dicono tutti gli ottusi per giustificare le peggiori nefandezze; per esempio, ci sono stati tempi durante i quali gli Ebrei, per legge, dovevano essere sterminati e, fedeli servitori dello Stato facevano rispettare queste leggi, eseguivano gli ordini e ben pochi cittadini si dichiaravano in disaccordo. Per fortuna, quelle leggi sono state abolite.

  6. è proprio ll consumo di erba a rendere cosi "maleducato" (per usarew un eufemismo)Zorro , ragione questa per proibire non solo lo spaccio ma anche l’utilizzo personale di droghe leggere. PER FAVORE redazione NON SAREBBE IL CASO DI MODERARE.

  7. La cosa che mi fa più tristezza di questa vicenda è che ci sono problemi ben più gravi di ragazzi che coltivano marijuana….assassi ni e ladri liberi?!!
    Che Italia è questa…è uno schifo!
    Leggi più severe e costruire nuovi carceri sarebbe già un ottima idea!

  8. concordo, ci sono problemi ben più gravi che questo. ad esempio il reato di omicidio stradale sino ad ora ignorato dalla casta e per il quale anche se ammazzi e te ne vai poi a dormire ubriaco o sfatto , non esistono pene severe e commisurate alla gravità . certo è vietata la coltivazione della zia maria, ma non esiste equità di pena . 2 e 8 mesi ok, ma allo sfattone che col suv ti ammazza un amico un parente allora quanto gli devono dare ??
    ….domicialiari a casina sul divano a fare na mazza……

  9. le ragioni per cui una persona arrivi al punto di coltivare erba in casa sono infinite… non dico che sia giusto farlo ma quello che non capisco è il perchè di una pena così pesante quando stupratori,assassini , rapinatori e altra bella gente è a piede libero mentre loro no… è proprio il caso di dirlo: la legge NON è uguale per tutti…

  10. le ragioni per cui una persona arrivi al punto di coltivare erba in casa sono infinite… non dico che sia giusto farlo ma quello che non capisco è il perchè di una pena così pesante quando stupratori,assassini , rapinatori e altra bella gente è a piede libero mentre loro no… è proprio il caso di dirlo: la legge NON è uguale per tutti…

RISPONDI