Fiab e Comune contano le bici di passaggio per migliorare la mobilità sostenibile

0

Qualcuno passando per Rezzato lo scorso 5 giugno ha notato delle persone con gilet gialli ad alta visibilità ai bordi di alcune strade, intenti a segnare qualcosa. Guardando bene avrebbe potuto vedere che i gilet riportavano il logo della FIAB-Federazione Italiana Amici della Bicicletta di Brescia e che chi li indossava stava effettuando il primo censimento della mobilità ciclistica a Rezzato. L’iniziativa è stata promossa dal Comune di Rezzato in collaborazione appunto con la FIAB ed ha coinvolto alcuni volontari che hanno messo a disposizione alcune ore del loro tempo per studiare il traffico rezzatese, con particolare attenzione ai ciclisti. L’organizzazione è stata curata per la FIAB in particolare dal rezzatese Roberto Maffetti e per il Comune dai consiglieri Eliana Mor, Angelo Bonassi e dall’assessore all’urbanistica Gallina. Nel dettaglio sono state istituite quattro postazioni distribuite in punti significativi del paese (via Zanardelli, via Leonardo da Vinci, via Matteotti e via Scalabrini) nei quali i volontari hanno contato il numero di biciclette e di mezzi a motore in transito, segnando anche la direzione.

Il conteggio, per avere dati significativi indicativi di tutta la giornata, ha coperto tre diverse fasce orarie: dalle 7.30 alle 9.30, dalle 12 alle 14 ed infine dalle 16 alle 18. “L’obiettivo – spiega l’assessore Gallina- è quello di avere una fotografia precisa della situazione della mobilità ciclistica, che possa aiutare in modo oggettivo ad analizzare il presente, ma soprattutto a studiare gli interventi per il futuro più efficaci per favorire chi si sposta in bici, con tutti i benefici che ciò comporta per la qualità della vita di ognuno”. In tempo di crisi e difficoltà nei bilanci le risorse sono poche e per questo diventa ancora più importante utilizzarle al meglio, verificando nel tempo gli effetti concreti di ciò che si fa. L’intenzione è perciò quella di ripetere l’appuntamento nel futuro, per vedere come la situazione cambierà e misurare gli effetti degli interventi che saranno fatti. Il prossimo anno si potrà già vedere quanto ciò che sarà fatto nei prossimi mesi (la pista ciclabile nel tratto di via Leonardo verso Virle, il completamento della pista ciclabile su via Gardesana, la realizzazione di attraversamenti sicuri a Treponti, il posizionamento di rastrelliere per bici,…) avrà effetti positivi. Gallina ci tiene infine in particolare a ringraziare la FIAB e tutti i volontari che hanno risposto prontamente alla proposta, con generosità e disponibilità; è stato bello vedere come queste persone fossero donne e uomini di età diverse, accumunati da un senso civico forte e positivo che li spinge a fare in prima persona qualcosa per migliorare il proprio paese.

Comments

comments

LEAVE A REPLY