Castegnato, approvato il Piano di emergenza comunale di Protezione Civile

0

Il Consiglio comunale di Castegnato, con voto unanime,  ha approvato il Piano di emergenza di Protezione Civile. Il Piano, analizza tutti i possibili scenari che si possono determinare sul territorio e stabilisce le modalità di intervento e coordinamento dei servizi di soccorso e di assistenza alla popolazione nei casi di emergenza. La legge, la 225 del 1992, affida al sindaco come Autorità comunale di Protezione Civile il coordinamento degli interventi ed i provvedimenti necessari ovviamente avvalendosi dei volontari di Protezione Civile, gruppo che è operativo a Castegnato dal 2004 e che conta oggi 24 volontari coordinati da Pietro Bariselli. “”Il Piano che abbiamo approvato – commenta il sindaco Giuseppe Orizio – è finalizzato ad affrontare situazioni di emergenza con la realizzazione di un sistema coordinato  di azioni in grado di cooperare  a livello comunale e con enti sovracomunali. Abbiamo analizzato tutte le possibili situazioni di pericolosità: idraulica e geologica, incendi boschivi, industrie a rischio di incidente rilevante, terremoti, viabilità e trasporti. Abbiamo individuato le aree pubbliche per le emergenze: il centro sportivo, parco Calini e di via 2 giugno, la controstrada in via Padana Superiore; gli spazi pubblici coperti: centro civico e palestre innanzitutto. Il Piano fotografa la situazione dei mezzi che abbiamo a disposizione, sia come Comune, sia come gruppo di Protezione Civile che è in grado di preparare duecento pasti in circa un’ora. L’analisi degli scenari di rischio – continua il primo cittadino – vede Castegnato in una situazione tutto sommato non preoccupante. Non ci sono problemi legati ad incendi boschivi, i pericoli di allagamento sono riconducibili di fatto al solo sottopasso della Pianera. Per i terremoti, Castegnato è in zona sismica 3, alla quale appartengono i comuni che possono essere soggetti a scuotimenti modesti. Per ogni scenario il piano stabilisce le varie responsabilità di intervento con i riferimenti telefonico di ciascuno, le azioni da adottare e le modalità di comunicazione. Per le emergenze ambientali il piano si collega al Sistema per la Risposta alle emergenze (SRE) organizzato dall’Arpa. Importante è la individuazione della Unità di Crisi Locale, che è composta dal sindaco, dal referente operativo comunale Claudio Benetti, dal responsabile Polizia locale Vittorio Ghiglia, dal comandante della stazione dei Carabinieri di Ospitaletto e dal coordinatore della nostra Protezione Civile Pietro Bariselli.”” 

Comments

comments

LEAVE A REPLY