Darfo, comando di polizia locale: un agente si toglie la vita con la pistola d’ordinanza

6

Quella di ieri è stata una giornata triste per tanti cittadini di Darfo Boario Terme, commossi alla terribile notizia della morte di un loro agente di polizia locale. Silvio Grassi, 59 anni, da 30 impegnato nel comando di Darfo, all’ora di pranzo ha salutato tutti i colleghi e si è ucciso con la pistola d’ordinanza.

L’agente ha salutato in maniera cordiale i colleghi che stavano per uscire per il pranzo. Una volta solo si è diretto nel locale-armeria del comando e con un colpo di pistola ha messo fine alla sua vita. A trovarlo gli stessi colleghi di ritorno dalla pausa, verso le 14. Ignoti i motivi che hanno portato al tragico gesto, familiari e inquirenti potranno conoscerli leggendo però i messaggi che ha scritto prima di premere il grilletto.

Gentile, allegro, sempre molto disponibile nello svolgere il proprio lavoro, Silvio Grassi abitava a Costa Volpino con la moglie. Sul luogo della tragedia sono giunti il sindaco Ezio Mondini e diversi amministratori, molto colpiti per la tragedia.
(a.c.)

Comments

comments

6 COMMENTS

  1. Confermo il precedente commento, era cordiale, umile, non faceva pesare la sua divisa, sempre disponibile ad aiutare il cittadino, un gesto ispiegabile, apparentemente, dico apparentemente perchè visto che ha lasciato dei biglietti, prima di togliersi la vita, forse li sopra ci sarà scritto il motivo che l’ha portato ad un simile gesto, l’unico rammarico è che ha aiutato nel suo lavoro tante persone, ma non ha cercato aiuto in qualche professionista che forse l’avrebbe sollevato da quella malattia che oggi si traduce nel mal di vivere..Ettore

  2. come tutti credo, non avrei mai pensato che avrebbe fatto una simile cosa, ci ho parlato sabato mattina visto che lavoro vicino alla caserma ed era sempre il solito, non ha mai fatto pesare la sua divisa, era una persona semlice alla mano, non sarà facile rimpiazzarlo, ciao silvio!

LEAVE A REPLY