Puzza di bitume a Buffalora, Co.Di.S.A.: la direzione presa è quella giusta

0
Bsnews whatsapp

Sono passati circa 4 anni da quando i residenti di Bettole /Buffalora iniziarono a segnalare le molestie ed i malesseri dovuti ad un insopportabile puzza di bitume che permeava l’aria del quartiere, costringendo le persone a chiudersi in casa e talvolta gli alunni della scuola a svolgere la ricreazione in classe. Nel frattempo il Co.Di.S.A organizzò manifestazioni di pacifica protesta, due petizioni sottoscritte da centinaia di persone e decine e decine di puntuali segnalazioni all’ARPA ogni volta che si presentava il problema. Seguirono verifiche, sopralluoghi e misurazioni delle emissioni del camino del bitumificio Gaburri, rilevando valori di COV quasi il doppio a quelli consentiti con conseguente sospensione dell’autorizzazione, ulteriori controlli ed installazione di un nuovo filtro.

Ora, grazie agli interventi di ARPA, Provincia ed ASL, "pur restando sempre vigili ed attenti, ci sembra che il bitumificio Gaburri sia molto migliorato, tanto da non diffondere più quei fastidiosi odori di bitume" -dichiara Co.Di.S.A.- Le tecnologie per migliorare già ci sono, a volte però manca nella controparte quella volontà a collaborare che il Co.Di.S.A. ha sempre cercato con tutti i soggetti.  Segno che il lavoro fatto è stato utile e, con il supporto già fattivo del Settore Ambiente del Comune, ripetibile su altri impianti presenti in zona, tant’è che ancora non si può parlare di soluzione definitiva visto che le molestie olfattive continuano tutt’ora.  Con questo breve comunicato si vogliono ringraziare tutte le persone che con tenacia hanno ripetutamente segnalato il problema e tutti gli enti pubblici intervenuti, in particolare l’ARPA, destinataria delle segnalazioni che, con professionalità e nonostante le carenze di personale, ha permesso il raggiungimento di ottimi risultati. Ci piace credere che un po’ di soddisfazione l’abbia anche il sig. Gaburri, che questa lunga vicenda gli sia servita ad accrescere l’attenzione per l’ambiente e capire quanto sia importante essere accettati all’interno di un quartiere. Tanto lavoro resta ancore da fare, ma ora si cominciano a vedere i risultati".

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI