Movida Carmine, BresciaIn: presentate 4 denunce contro il ‘fracasso’ dei locali

0

Con un comunicato l’associazione BresciaIn torna a parlare di movida, e lo fa per annunciare quattro nuovi esposti per disturbo alla quiete pubblica presentati tra altrettanti cittadini, disturbati dal rumore di locali e avventori.

DI SEGUITO IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO:

Fine settimana rumoroso al di là della tollerabilità in quasi tutta la zona della movida del carmine, spesso con i locali che hanno diffuso musica ad alto volume dall’interno degli esercizi anche dopo le ore 24.

Per questi ultimi, ben 4, alcuni residenti hanno presentato regolare denuncia per violazione dell’art 659 del codice penale.Sono le prime denunce presentate direttamente nei confronto di titolari dei locali, prime di una lunga serie che nelle prossime settimane e mesi vedranno come scenario quasi tutte le zone delle movide bresciane nonché degli eventi organizzati nella iniziativa coordinata e promossa dal Comune di Brescia denominata città in Festa – Menù per l’estate.

In quest’ultimo caso, qualora vi siano violazioni, la denuncia comporterà il coinvolgimento anche dei dirigenti comunali firmatari di permessi e licenze temporanee che non hanno previsto ed effettuato opportuni controlli.

Intanto la settimana prossima, ritenuto congruo il tempo di preavviso di 30 giorni della lettera indirizzata al Sindaco Emilio Del Bono e per conoscenza alle autorità cittadine (Prefetto di Brescia, Questore di Brescia, Comandante Carabinieri di Brescia, Comandanre Guardia di Finanza, Comandante Polizia Municipale, Comandante Vigili del Fuoco, Responsabile 118), verrà presentata diffida formale per la sistematica violazione delle norme di sicurezza e sanitarie nella zona della movida, alla quale seguirà senza ulteriori preavvisi esposto alla Procura della Repubblica.

Ricordiamo che le vie del carmine in vari punti non permettono la normale circolazione veicolare e pedonale per la presenza di migliaia di persone presenti nei fine settimana in strada e che anche un banale incendio potrebbe essere causa di panico con effetti devastanti per l’incolumità delle persone. E’ indubbia pertanto la necessità di prevedere l’applicazione delle norme di sicurezza e sanitarie alle quali si devono attenere concerti e/o manifestazioni in particolar modo predisponendo un piano di evacuazione in caso di emergenza e il collocamento di un numero congruo di bagni chimici considerato che i bagni dei locali non sono predisposti per soddisfare migliaia di persone.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Troppa gente fa il pesce in barie, compreso chi prima delle elezioni aveva assicurato che, se avesse preso in mano l’amministrazione della città, avrebbe cambiato le cose. Al contrario, tutto è come prima, se non peggio.
    Siamo in molti non più disposti a tollerare le inaudite prepotenze degli uni e l’inerzia degli altri.
    Seguiranno altri esposti e denunce, per esempio per i blocchi stradali. Non si può subire oltre.

  2. Comunicato ineccepibile che evidenzia i veri problemi della movida che angustiano i residenti del Carmine: musica a tutto volume che fuoriesce dall’interno dei locali a tutte le ore del giorno e della notte, schiamazzi continui da parte degli avventori, impossibilità di circolare da parte di veicoli e pedoni, igiene (urinate umane e vomito ogniddove), pulizia (carta, bicchieri e vetri di bottiglie rotte sparsi ovunque.

  3. musica ad alto volume! ma quando mai.
    le solite panzane colossali.
    questi partecipano alle commissioni poi fanno quello che vogliono.
    dinanzi a denunzie viene da dare ragione ai maleducati

  4. E’ vero, un incendio potrebbe avere effetti devastanti. Non solo, e se ci fosse una scossa di terremoto? E se un automobilista sprovveduto inavvertitamente passasse con le ruote dell’auto su un piede di un avventore ubriaco che non si vuole spostare dal centro della strada? PurtropPo siamo in Italia: TUTTI A PIANGERE DOPO E A SCARICARE RECIPROCAMENTE LE COLPE E LE RESPONSABILITA’ SUGLI ALTRI

  5. Vivo al Carmine, e queste sono tutte stron za te di gente che non ha mai saputo vivere con gli altri, durante la settimana è un quartiere normale, con una buona vitalità. Il fine settimana ci vorrebbe un po’ più di controllo e di responsabilità. Sicuramente non giustifica esposti o rottura di balle del genere. Se non avete nulla da fare, scendete a bere un rosso o a fare una partita a carte al posto di stare alla finestra a rosicare.

  6. Che sia proprio quello il problema? Cioè che ci sia gente che ha qualcosa di meglio da fare che non trovarsi alla sera a bere? Esempio: gente che alla mattina va a lavorare, perchè non mantenuta dalla borsetta di mamma’?

  7. Certo… 8 ore, e se alle 2 di notte mi fanno casino sotto casa mi girano… È successo 3 volte. In due anni, e abito in via Nino bixio, escluso l fine settimana logico…. Mi da più fastidio il camion della nettezza urbana che passa alle sei, che faccio? Partono le denunce?

LEAVE A REPLY