Trofeo Ascepa: quando il tennis unisce sport e solidarietà

0

Una settimana di tennis che unisce sport, divertimento e solidarietà. È quella riservata al Trofeo Ascepa (acronimo di ‘amanti solo calcio e poco altro’), torneo amatoriale di doppio a inviti, andato in scena sui campi del Tennis Forza e Costanza. Una manifestazione nata nel 2004 dall’idea di un gruppo di amici trascinati dall’ottima organizzazione di Gherardo Colonna, Lello Lazzaroni e Lorenzo Colonna, cresciuta anno dopo anno e migrata lo scorso anno alle pendici del Castello di Brescia. “Per noi – spiega il direttore tecnico del club Alberto Paris – è un onore essere la sede ufficiale di un torneo che è molto sentito in provincia, come dimostrato dal numero di adesioni in costante aumento, anche grazie all’inserimento delle donne. Questa è stata l’edizione più florida in assoluto, e per la finale c’erano le tribune completamente piene, quasi come per il torneo internazionale”. Il tutto malgrado lo spirito dell’evento sia assolutamente goliardico, e l’obiettivo della kermesse sia quello di rappresentare un veicolo di socializzazione fra gli appassionati di tennis. Agonismo e risultati passano in secondo piano, tanto che le coppie vengono decise con un’estrazione che unisce un giocatore di fascia ‘A’ (giocatori abituali) a uno di fascia ‘B’ (i meno allenati). E non vengono premiati solo i vincitori. Anzi, a ogni stagione gli organizzatori distribuiscono sempre più riconoscimenti (quest’anno ben diciassette), oltre a offrire aperitivo e cena conclusiva a tutti i presenti alla finalissima.

 

Inoltre, dal 2012, l’Ascepa si è legata all’Associazione Nazionale Tumori “Fondazione ANT Italia Onlus”, alla quale viene devoluto un terzo di tutte le quote d’iscrizione al torneo, più altre libere donazioni pervenute allo stand posizionato vicino ai campi per tutta la settimana. “Una causa nobile – prosegue Paris – per una manifestazione da ripetere a lungo”. Per la cronaca, il successo finale (al termine di un tabellone con incontri ai nove giochi) è andato alla coppia composta da Marco Maffetti ed Emanuel Piona, che in finale ha avuto la meglio sul duo Paolicchi/Rampinelli, superati grazie a una prova di carattere, concentrazione e volontà.

Comments

comments

LEAVE A REPLY