Fiaccolata a difesa del sindaco Zanola, il Comitato: “Niente bandiere di partito”

8

Quella del neonato Comitato spontaneo di Montichiari è una “chiamata” alla mobilitazione di massa in piena regola e lo slogan dalla quale è accompagnata la dice tutta: “Il sindaco ti ha difeso contro le discariche, ora tocca a te difendere lei”. Non occorro nemmeno dire che il sindaco in questione è la leghista , da 8 giorni ai domiciliari con l’accusa di tentata estorsione ai danni della , titolare della discarica di . Domani, mercoledì 25 settembre, dalle 20 con partenza dal parcheggio del di via falcone, il Comitato spontaneo ha organizzato una fiaccolata che attraverserà le principali vie della cittadina, con il Municipio come capolinea.

La scelta di terminare il corteo proprio davanti al Comune di Montichiari non è certo casuale. Lì’, proprio mercoledì sera, si terrà il Consiglio comunale e verrà discussa una delibera “anti-discariche” come la stessa Elena Zanola aveva anticipato il giorno prima che le fosse notificata l’ordinanza di custodia cautelare.

Gli organizzatori della fiaccolata, che hanno pubblicizzato l’evento anche sui principali social network, si raccomandano solo una cosa: niente bandiere di partito, solo monteclarensi uniti nella stessa battaglia, al di là delle rispettive appartenenze. Numerosi adesioni sono arrivate anche da tutto il resto della provincia di Brescia.

Comments

comments

8 Commenti

  1. Mi sfuggono le ragioni di questa fiaccolata: se la Zanola non ha nulla da temere verrà dichiarata innocente aldilà di eventuali fiaccolate pro o contro chicchessia. Quindi?

  2. e se la zanola, sia pure a fin di bene, avesse davvero commesso reati, magari anche gravi, la difendiamo lo stesso? il fine giustifica i mezzi e fino a che punto li giustifica?

  3. ma perche capitan Zanola non ha combattuto anche contro le nuove vasche di Sistema autorizzate con il parere favorevole del comune (il suo) ? chi mi può rispondere ?

  4. Mamma mia che fastidio questa cretinata del "niente bandiere di partito"! Ma chi organizza una manifestazione, indipendentemente dal suo orientamento politico, crede che le persone vadano in piazza così, tanto perché non hanno di meglio da fare? Se si partecipa ad una manifestazione è anche perché si ha un’idea, si aderisce ad un progetto politico e probabilmente tale progetto trova possibilità di realizzarsi nell’azione di un partito. Personalmente, se la bandiera del mio partito non è ben accetta in una manifestazione, evito semplicemente di parteciparvi.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome