Del Bono risponde a Paroli: vive in un altro pianeta, io non devo scuse

15

Dura e secca la risposta di Del Bono alle parole rilasciate da Paroli in un’intervista al quotidiano cittadino Bresciaoggi che accusava l’attuale sindaco di essere un asfaltatore e di alienare il patromonio del comune. In un’altra lunga intervista Del Bono respinge al mittente tutte le accuse dicendo che "le manutenzioni sono indispensdabili per risolvere problemi che 5 anni fa non sono stati affrontati e , così, si sono via via stratificati". Il sindaco parla del degrado diffuso in città che sta cercando di risolvere con la sua giunta e accusa la vecchia dell’abbandono di numerosi immobili comnali, dall’ex tribunale a Palazzo Maggi.

Sulle "grandi opere" pensate da Paroli nel passato che secondo l’ex sindaco non vedranno mai la luce, Del Bono replica con ironia "Paroli sembra vivere in un altro pianeta", sottolinenando come le casse del Comune siano disastrose e che quindi la prima cosa da fare non è tanto investire, ma riqualificare. Dice Del Bono: "la verità è che Paroli pensava di finanziare i suoi sogni facendo alienazioni per 71 milioni di euro, ma è riuscito a vendere beni solo per 500mila! Ecco perché il suo piano è fallito e i suoi sogni sono diventati incubi…".

Sulla questione dell’allungamento della metro – Paroli aveva detto che senza nuove tratte la metro è inutile – anche Del Bono èconcorde, ma ci va cauto: "è auspicabile, ma va pensato studiando i costi", sottolineando che non basta un contributo dal ministero.

Infine nessuna apertura e niente "scuse ufficiali" che Paroli aveva chiesto al neo sindaco, accusandolo di aver subito ingiurie durante la campagna elettorale. "I toni della mia campagna non sono mai stati offensivi. Naturalmente rispondo per ciò che ho detto io, non altri. Non sono io il destinatario della polemica – continua Del Bono – e non devo scuse".   

Comments

comments

15 COMMENTS

  1. Non capisco come mai Paroli si sia permesso di dire certe cose. LO HANNO BOCCIATO I BRESCIANI ED EMILIO E’ LI’ PER RIPARARE I SUOI DANNI.

  2. Oltre che compagni di partito e assessori nella giunta Corsini adesso fanno finte polemiche…per me rappresentano: uno l’accidia, l’altro la superbia…..indovin ate chi è.

  3. Il prolungamento del metro va pensato studiando i costi. Non basta. Bisogna fare i conti anche con i futuri ricavi, per evitare una catastrofe economica uguale a quella lo dica che Paroli e anche Del Bono si trovano a gestire grazie alla scelta cieca dell’amministrazione Corsini, la quale in aggiunta, ha dato il colpo di grazia ai conti del Comune con l’incorporazione di ASM, già gallina dalle uova d’oro, nel carrozzone AEM, poi divenuta A2a. Pertanto l’attuale sindaco, che è persona dabbene come del resto è Paroli, non assuma atteggiamenti da falco, che non gli si addicono. Pertanto, se non può moderarsi per dovere di schieramento, non replichi con delle manipolazioni della verità fattuale. lasci che siano i suoi compagni di cordata a recitare quel ruolo.

  4. Ha ragione Del Bono leggendo l’intervista di Paroli mi domendo se vivo anch’io un Matrix!
    Paroli hai perso, anzi straperso! Tu e il tuo amico Rolfi ve ne dovete andare la città vi ha sonoramente bocciato! Adios!

  5. Auguriamo di cuore a DelBono che l’attuale opposizione si comporti indegnamente come hanno fatto lui e i suoi x 5 anni e poi almeno si tolga quel sorrisetto ebete che non si addice a un Sindaco

  6. di persone a sgomitare per fare il sindaco, il consigliere comunale….
    e poi piangnucolare sul prima e sul dopo.
    Mavalà

  7. Leggendo l’intervista integrale sul giornale si ha modo di vedere che il sindaco attuale mena vanto, tra l’altro, di aver emesso l’ordinanza contro la movida che anticipa di un nulla l’orario di chiusura dei locali. Premesso che anticipare l’orario e poi non intervenire per farlo rispettare, come succede ora, è peggio che mantenerlo com’era prima, vorrei chiedere al sindaco se trova normale che le leggi dello stato e i regolamenti comunali siano sistematicamente violati dai clienti senza che nessun preposto al rispetto dgli stessi intervenga. Mi vuol dire il sindaco se trova lecito che chi abita in zona sia costretto impedito ad uscire di casa o a rientrarvi usando la propria automobile perche centinaia e centinaia di individui bloccano le strade e si rendono protervi e minacciosi al solo vedere un’automobile. Non è questo un reato (violenza privata?). Cosa aspetta a dare rigorosi ordini al comandante dei vigili perché disponga seri interventi e a rappresentare con vigore la situazione al Prefetto, al Questore e al Comandante dei Carabinieri? Aspetta che succeda qualche fatto grave, ben più del pestaggio di una famiglia? Aspetta che si possa dire che è successa una tragedia annunciata, secondo la triste consuetudine italiana? Meno spot giornalistici, meno discussioni da primadonna, ma qualche fatto non guasterebbe. Faccia quanto deve.

  8. Io credo che giudicare un sindaco dopo 4 mesi di mandato sia abbastanza ridicolo.
    Io ho sempre votato destra, ma l’ultima volta non ce l’ho fatta a dare il voto ad una persona che ha messo i suoi interessi economici (visto che è stato a Roma per 4 anni) prima della nostra città;
    Una sindaco che per interessi personali ha comprato OMB, mah… bastano queste due cose per dire, per fortuna non è stato rieletto!!!!

  9. Concordo pienamente con le considerazioni di Cuidado. Considero il Sindaco Del Bono una persona intelligente. E come persona intelligente ritengo che sia consapevole che, continuando a non volere intervenire per sanare una situazione che ormai ha raggiunto e superato ogni limite di sopportazione, sta facendo una misera e pessima figura nei confronti di chi abita nel quartiere e che subisce tutti i giorni le angherie della movida. Probabilmente non gli interessa niente di tutelate i diritti dei residenti del quartiere. Ma come residente affermo che in questo modo il Carmine sta peggiorando giorno dopo giorno e fra non molto morirà (o forse morirà prima qualcunoi per altri motivi).

  10. E , sì , con il sig. sindaco la città e cambiata…In peggio!!!Il sig. Del Bono e i suoi sodali sono quelli che sbraitavano contro "gli estremisti di destra " che appoggiavano il sig. Paroli alle elezioni. é come la paraboòa di chi vede il fruscello nell’occhio altrui.Il sig Del Bono è andato a pagar pegno agli "antagonisti" alla loro festa.Quella stessa festa in cui , da anni ormai, il sig. Renato Curcio è ospite fisso. immaginiamo se Paroli o qualcuno della sua giunta fosse andato ad una festa di Forza Nuova ad incontrare qualche "terrorista di destra"..Chissà che sbraitare . Una semplice domanda: a che punto è l’occupazione del bar di via Corsica da parte degli 2antagonisti"???dett a area NON è, per caso, nella disponibilità del Comune???O fa parte di qualche accordo???E si, l’aria è cambiata. I bravi ragazzi "antagonisti" aggrediscono cose, persone e sedi dei loro "nemici. Ecco casa è cambiato a Brescia. L’impunità per i teppistelli…

  11. Del Bono e la sua Giunta non rappresentano nè la novità nè il cambiamento. Rappresenetano invece la continuità dell’era corsiniana con un breve interregno paroliano. E da qui qui i pareri possono circolare liberamente. I drammi della fusione ASM e costruzione del Metrobus coincidono con scelte politiche che hanno determinato i problemi di bilancio attuali, ma soprattutto l’indebitamento a medio termine scaricato sule generazioni future (i mutui sono assistiti da ipoteche di primo grado sugli immobili comunali o da fidejussioni del Comune a favore delle proprie controllate). Del Bono potrebbe scusarsi almeno per le scelte sciagurate del passato (alcune quando anche lui sedeva in consiglio comunale), scelte che ben sono rappresentate peraltro all’interno della sua stessa Giunta…

  12. invece che continuare a litigare e addossare colpe perchè non trova un rimedio diverso dal solito metto-mani-nelle-tas che-dei-cittadini ???
    inutile piangere sul latte versato. ormai tutti sanno da cosa derivano i buchi di bilancio etcetc

    visto che si crede tanto bravo e migliore… ce lo dimostri!

LEAVE A REPLY