Cibo senza etichetta, l’Asl sequestra 36 quintali di alimenti. Multati sei venditori ambulanti

0
Bsnews whatsapp

L’ASL di Brescia, nel corso dei controlli in tema prevenzione nell’ambito dell’igiene degli alimenti, ha sequestrato 36 quintali di merce presso un mercato allestito a Brescia nella zona industriale, e ha elevato sanzioni amministrative, pari a circa 20 mila euro a sei venditori ambulanti.

L’attività di controllo è stata eseguita dai tecnici della prevenzione del Servizio di Igiene della Direzione Gestionale Distrettuale 1 e del Distretto Veterinario di Brescia, in collaborazione con i Nuclei di Polizia Giudiziaria e Commerciale della Polizia Locale e con la Guardia di Finanza. Il personale dell’ASL ha rilevato che molti prodotti alimentari posti in vendita diretta alle persone che frequentano il mercato, tra cui numerosi cittadini italiani, erano privi dell’etichettatura che permette di identificare il tipo di alimento, la provenienza, la data di confezionamento e la scadenza, o avevano etichette non conformi alla normativa che impone l’obbligo di apporre informazioni sugli alimenti anche nella lingua del paese in cui viene distribuito il prodotto.

Al termine dei controlli, avviati alle 8 del mattino e durati oltre 5 ore, l’ASL ha posto sotto sequestro una grande quantità di prodotti alimentari, quali pane, dolci, pesce, carne confezionata, insaccati di vario genere, latticini, liquori. Tra la merce vi erano anche prodotti confezionati in maniera tale da non garantire la corretta conservazione del prodotto.

I 6 venditori ambulanti dei prodotti sequestrati, di origine prevalentemente moldava e ucraina, non sono stati in grado di fornire indicazioni sulla provenienza degli alimenti.

La merce posta sotto sequestro dal personale dell’ASL di Brescia è stata stoccata presso i magazzini della Polizia Locale di Brescia.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Consiglio di controllare l’igiene e i prodotti nei negozi dei Extracomunitaria gli orari di apertura l’etichettatura dei prodotti e da dove arrivano e mi chiedo anche con le tasse di oggi come fanno ad aprine in continuazione?????

RISPONDI