“Emergenza prostitute” in Valcamonica: ora il “servizio” è anche diurno

0
Bsnews whatsapp

In Valcamonica è scattata l’emergenza prostituzione. Il lavoro più antoco del mondo sta preoccupando non poco le istituzioni dei comuni camuni, specie di Boario, Artogne e Piancamuno dove si concentra la maggior parte delle meretrici da strada. Secondo quanto riporta il Giornale di Brescia, il fenomeno avrebbe anche delle ondate di ritorno, vale a dire prostitute provenienti dai paesi slavi in aumento rispetto a quelle nigeriane.

Il quadro è talmente preoccupante che don Danilo Vezzoli, responsabile della Caritas di Darfo, ha affermato: “il fenomeno è tornato alla grande” e il sindaco di Darfo ha aggiunto “qui la situazione sta peggiorando moltissimo”. A ciò si aggiunge il fatto che il fenomeno ha iniziato ad interessare tutto l’arco della giornata e non solo le ore notturne. Evidentemente le abitudini dei “clienti” camuni sono cambiate e al posto della pausa pranzo ora preferiscono la “pausa sesso” .

Esistono anche dei luoghi maggiormente “frequentati”: Boario centro, la zona dietro la Consolata fino all’area industriale, ma anche i comuni vicini di Artogne e Piancamuno.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Il mestiere più antico del mondo… Se vuoi farti una bella scopata… frequenta la zona della "Consolata". Là non ti vede nessuno… fino ad Artogne o Piancamuno!

RISPONDI