Villanuova, rifiuta un rapporto a tre: presa a calci e pugni nella roulotte

25

Una 31enne bresciana è stata vittima di violenza a Villanuova sul Clisi. La donna ha incontrato un 38enne rumeno in un locale e si è accordata con lui per un rapporto sessuale a pagamento.  Ma l’uomo ha poi insistito affinché partecipasse "all’incontro" anche un suo connazionale, cosa che la donna ha immediatamente rifiutato. I due si sono infuriati, la donna, come scrive il Giornale di Brescia, ha cercato di scappare, chiedendo aiuto ad un automobilista, ma non ce l’ha fatta: i due l’hanno trascinata nella loro roulotte e hanno iniziato a picchiarla violentemente con pugni e calci, tentando anche di violentarla. Lei però, alla fine, è riuscita a fuggire e ha raggiunto casa.

Nel frattempo l’automobilista aveva avvisato la polizia che ha raggiunto la donna a casa: la 31enne è stata accompagnata all’ospedale di Gavardo, con prognosi di sette giorni per «contusioni da percosse alla schiena e agli arti inferiori». I due uomini, con precedenti,  sono stati arrestati e trasferiti in carcere: il giudice li ha condannati agli arresti domiciliari.

Comments

comments

25 COMMENTS

  1. Agli arresti domiciliari? M se ce l’hanno menata per il femminicidio,ecc e questa è la pena?Pregiudicati, nullafacenti, ecc……..pregasi ringraziare i buonisti

  2. ma basta con la violenza sulle donne! deve essere chiaro che chi commette violenza la pagherà. Perché il giudice non li ha messi in carcere? La violenza non ha etnia, anzi é noto che chi é violento con le donne é anche razzista e viceversa.

  3. Cari utenti , ma di cosa Vi stupite???!!!La LEGGE con gli "amici" si interpreta , con i "nemici" si applica…. Pertanto questi due galantuomini sono a casa propri ai domiciliari.Lo scandalo è che per questi reati odiosissimi e vigliacchi esista la discrezionalità della conferma d’arresto con la custodia in carcere.Ad maiora.

  4. Di sicuro chi dice che la nazionalità non c’entra mai è un po’ complice…di fronte allo stillicidio quotidiano di notizie che riguarda le risorse gli amici dei "migranti" farebbero meglio a tacere.

  5. allora Grigoletto (italiano) che ha ucciso Marilla (brasiliana) é amico tuo? sei amico dei criminali italiani e li proteggi? ma come ragioni?

  6. Lo squilibrio di cui parli non é di pochi squilibrati ma é di massa e si chiama xenofobia. É un sentimento irrazionale, animale, molto diffuso e causa nella storia delle peggiori atrocità. La Lega in una sola settimana di sbarchi e stragi é passata da 3,5 al 5 nei sondaggi elettorali. La vista delle navi degli africani che assaltano le nostre coste ha mosso un sentimento di massa di paura irrazionale. Irrazionale perché si tratta di poche centiania di persone disperate che se anche fossero migliaia sarebbero cmq una goccia insignificante rispetto alle centinaia di migliaia di immigrati che ogni anni giungono in Italia non sui barconi ma con normali mezzi di trasporto. É la disperazione degli ultimi quella che non si vuole vedere, perché la vista ci disturba e mette in crisi le nostre fragili sicurezze: preferiamo che muoiano in silenzio in fondo al mare. Non vedendoli ci illudiamo di essere innocenti.

  7. Caro utente "chiudere gli occhi". Dai Vostri ragionamenti Voi siete uno psicologo???!!!Che cavolo vuole dire "non vedendoli ci illudiamo di essere innocenti"???La Vostra è un ammissione di colpa???I rifugiati , ma quelli VERI , che provengono da stati in guerra o che rientrano nel concetto di profughi VANNO accolti. E questo mi sembra lo riconoscono (quasi tutti).Il discorso è che esiste un preciso disegno politico per accogliere tutti i "fratelli migranti" clandestini e no. E di questo progetto, Vi piaccia o no, i massimi fautori sono il ministro Kyenge e la sig.ra Boldrini con la storiella dello ius soli.Pertanto vedo una complicità da chi , sostenendo queste tesi di accogliere tutti indiscriminatamente, e le tragedie che si consumano nel mare.Ad maiora.

  8. mi fa piacere che riconosca che i rifugiati debbano essere accolti, ma non é vero che é riconosciuto da tutti tant’é che l’opinione pubblica confonde grandemente il problema dei rifugiati con quelli dell’immigrazione. Per i rifugiati occorre aprire canali umanitari in modo che possano scappare dalle zone di guerra con mezzi sicuri, non con carrette del mare. Per l’immigrazione occorre cambiare radicalmente la bossi/fini che non é evidentemente in grado di controllare i fenomeni immigratori perché impedisce l’immigrazione legale. Lo ius soli é un’altra cosa ancora e riguarda i nati in Italia e che in Italia vivranno per tutta la vita: non si possono considerare stranieri per 20 anni, sono italiani a tutti gli effetti. Occorre una svolta radicale nel rapporto ai temi dell’immigrazione. Pensare che basta essere -cattivi- per disincentivare gli arrivi é infantile ed inutile.

  9. Caro utente "chiudere gli occhi". Quella che Voi chiamate "migrazione legale" deve , secondo il nostro modesto parere , sottostare ad alcune regole fondamentali. Per lo stesso lavoro il diritto di prelazione è per il cittadino italiano;conoscenza della lingua italiana e minima conoscenza della nostra storia e degli "usi e costumi" della nostra Patria;accettazione delle leggi dello Stato(??!!) italiano;lo "ius soli" per il superamento dello"ius sanguinis" è inaccettabile per vari motivi,uno fra tutti è l’invasione di partorienti …..Altro è che , come si sa’ il sangue non è acqua.Pertanto un documento NON fa un buon cittadino…, mentre crea , sicuramente problemi a livelli sociale. Basta vedere le banlieu francesi , la situazione svedes e norvegese.Cari i miei utenti "buonisti", Voi Vi illudete che accettando TUTTI ,indiscriminatamente sul territorio nazionale si eviteranno tragedie e lutti.Purtroppo non sarà così. Gli anni a venire saranno pieni di tragedie e guerre tra poveri, se dovesse passare la Vostra linea del DENTRO TUTTI e siamo tutti buoni….C’è un solo modo per evitare tutto ciò: attuare un vero progetto di cooperazione internazionale con i governi (dove ce ne sono…)per creare strutture etc in tali nazioni. Se poi , il buon Obamasmettesse di andare in giro per il mondo a fare guerre ai "terroristi" , non avremmo avuto situazioni tipo Libia,Egitto etc. nazioni in cui i governi contano poco o nulla ed il contrasto ai mercanti di uomini NON viene fatto. Anzi!
    Ad maiora.

  10. "Rapporto sulla criminalità in Italia – Ministero Dell’Interno" – I dati si riferiscono al 2006, percentuale stranieri in Italia <5% (oggi quasi il doppio). Pag.355: Percentuale di stranieri sul totale delle persone denunciate in Italia per avere commesso un omicidio consumato o uno tentato, anno 2006: Omicidio consumato 32%; Omicidio tentato 31%; Pag. 357: Percentuale di stranieri sul totale dei denunciati / arrestati per alcuni reati, anno 2006: Violenze sessuali 39%; Lesioni dolose 27%; Furto con strappo 29%; Furto con destrezza 68%; Furti in abitazione 51%; Furti di autovetture 38%; Rapine in abitazione 51%; Rapine in banca 3%; Rapine in uffici postali 6%; Rapine in esercizi commerciali 33%; Rapine in pubblica via 45%; Estorsioni 19;….questo 7 anni fa,figuratevi adesso!

  11. Caro utente "@rob" , se il suo commento si riferisce a quanto da noi scritto devo scendere, come Voi , nella volgarotà… Forse è meglio il BORDELLO auspicato dagli amici dei "fratelli migranti"???!!!Ad maiora.

  12. Smettila con questo ”ad maiora”. Se ne conosci il significato (ne dubito) devi smettere di occuparti di bagatelle e intervenire solo a proposito dei massimi sistemi.

  13. La Bossi Fini non impedisce l’ingresso legale di immigrati.. ma lo regola.. ogni anno viene stilato dal ministero un numero di persone che siamo in grado di accogliere e viene pubblicato un decreto flussi che attua l’ingresso..

  14. Caro utente "@rob59" (ahi,ahi, ahi , adesso mettiamo anche le cifre, siete cresciuti…), Vi ringrazio per la Vostra "fiducia"….Avete proprio ragione , queste sono bagatelle…..ma ogni tanto (non spesso) ci piace "sentire" fino a che punto arriva il Vostro amore per i "fratelli migranti".Ad maiora.

  15. Ma carlos invece sta tutto il giorno online a difendere gli immigrati? qualcuno lo paga per farlo o è solo una patologia mentale?

LEAVE A REPLY