Giampaolo alla Digos: nessuna minaccia, solo diffidenza dalla società

0

Nessuna minaccia, nessuna pressione, nessuna costrizione: semplicemente non amava allenare il Brescia. Così Marco Giampaolo ha risposto al poliziotto della squadra tifoserie della Digos bresciana inviato alla Questura di Teramo per fare chiarezza sulle interviste rilasciate da Giampaolo a commento delle sue dimissioni, 3 settimane fa. Come riporta il Bresciaoggi Giampaolo ha affermato che non ci sono state minacce, ma una situazione insostenibile causata dalla società che lo avrebbe lasciato solo in quel famoso incontro con gli ultrà.  Sentiva la diffidenza e non credeva che la squadra fosse all’altezza delle aspettative societarie. Dopo il colloquio di ieri la Digos di Brescia sembra avere tutti gli elementi per chiudere la cosa. 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Si certo, lo sappiamo tutti, gli ultras si distinguono per le azioni di volontariato, per accompagnare le vecchiette a fare la spesa, per assistere i disabili. Sono delle onlus che perseguono la pace sociale, i valori dello sport e della sana passione sportiva.

  2. I gruppi Ultras se non lo sai fanno più beneficenza loro che tutti i chiacchieroni come te messi insieme, informati di quello che i ragazzi organizzano e magari partecipa anche tu e sgancia qualche monetina.

LEAVE A REPLY