Fondazione Cogeme lancia la campagna: “L’energia del vicino non è sempre più verde”

0

ìDiecimila brochure, 2500 segnalibri, 500 locandine, 4 spettacoli teatrali, tanti incontri nelle scuole e un sito internet costantemente aggiornato: questi i numeri della campagna di comunicazione “L’energia del vicino non è sempre più verde”, realizzata da Fondazione Cogeme in attuazione del “Patto dei Sindaci”.

Presentata oggi presso la sede di Fondazione Cogeme Onlus dal Presidente Raffaele Volpi, dal Vicepresidente Mariapaola Bergomi, dal Sindaco del Comune di Rovato Roberta Martinelli, dall’ Assessore all’Ambiente ed Ecologia del Comune di Palazzolo sull’Oglio Giulio Cotelli e dall’Assessore di Torbole Casaglia Marco Mosca, la campagna interesserà tutti i 180mila cittadini dei 18 Comuni della Bassa uniti dal “Patto dei Sindaci”, il progetto dell’Unione Europea per la sostenibilità delle politiche energetiche al quale gli stessi Comuni, con il supporto e la regia di Fondazione Cogeme Onlus nel ruolo di “Covenant Supporter”, hanno aderito lo scorso anno.

Un impegno concretizzatosi in azioni di monitoraggio relative ai consumi energetici, alle emissioni di Co2 e, più in generale, allo stato di salute del territorio con riferimento agli aspetti energetici. Un impegno che da oggi si traduce anche in una azione di sensibilizzazione diretta a tutti i cittadini, condotta attraverso strumenti diversi, selezionati per raggiungere i singoli target: dai bambini, ai giovani agli anziani. 

In particolare, l’invito alla popolazione e’ quello di compiere semplici gesti quotidiani come, ad esempio, "spegnere le luci, mettere in funzione lavatrici e lavastoviglie a pieno carico o usare correttamente il condizionatore".

Piccoli accorgimenti per un grande contributo al raggiungimento dell’obiettivo del Patto: "quello – ha sottolineato il Presidente di Fondazione Cogeme Onlus Raffaele Volpi – di incentivare il ricorso a fonti di energia pulita e migliorare contestualmente l’efficienza e il risparmio energetico. Una sfida per tutti: cittadini, istituzioni e realta’ economiche del territorio".

Comments

comments

LEAVE A REPLY