Per gli inquirenti è stata caccia all’uomo: in carcere il meccanico che ha ucciso il ladro

10

L’intervallo di tempo tra il furto in casa e la sparatoria sarebbe di quasi due ore: e questo fa ipotizzare agli inquirenti una vera a propria caccia all’uomo che ha portato alla morte di uno dei due ladri. Per questo il 29enne meccanico di Serle è stato fermato e condotto in carcere con l’accusa di volontario.

Secondo le ricostruzioni M.F., in carcere da ieri all’alba, avrebbe atteso quasi due ore gli autori i ladri appostato in una stradina che collega il bosco al centro abitato del paese, consapevole dell’assenza di un’altra via di fuga. L’uomo domani sarà  davanti al giudice per l’interrogatorio di convalida.

Intanto Serle è sotto shock: in Paese tutti sono vicini alla famiglia e , come riporta il Giornale di Brescia, un cittadino ha proposto di raccogliere fondi per finanziare la difesa del meccanico. 

COMMENTI BLOCCATI A CAUSA DELLE RIPETUTE VIOLAZIONI DEL REGOLAMENTO DEL SITO 

Comments

comments

10 Commenti

  1. Andatelo a dire ai suoi famigliari che ha fatto bene. Un ladro morto ed un assassino in galera. Due giovani vite spezzate e c’é chi tifa come allo stadio eccitato dal sangue che scorre. Ma vergognarvi !!

  2. Secondo le ultime notizie, il ladro era pregiudicato… Chi dovremmo ringraziare? I magistrati che hanno concesso la libertà di commettere altri reati? Le leggi vigenti in Italia o chi non le fa rispettare? E mettiamo in carcere la vittima??????? ………..

  3. Vuoi proprio che resti in carcere? Che risulti che lo ha fatto apposta per uccidere? Vai a ringraziare anche sua madre ed i suoi famigliari, vedrai come sono contenti: sono disperati e sicuramente, se avessero potuto, avrebbero fermato Mirko. Cerchiamo di non creare altri Mirko esaltando gli animi. E smettiamola di dire che c’é qualcuno che sta dalla parte dei delinquenti. Chiediamo caso mai allo stato di esserci di più: la giustizia fai da te non esiste.

  4. "Ti meriti qualche albanese o rumeno in casa di notte" questa frase rivela molte verità nascoste dietro la finta sete di giustizia. Non "un criminale o un ladro" ma "un albanese o un rumeno" come se un americano dicesse" ti meriti un italiano in casa di notte". Mia nonna ha una rumena in casa di notte e io sono contento…

  5. Tu sei proprio convinto che chi non é d’accordo con te vuol dire che difende i criminali. Al punto da augurare a chi é in disaccordo con te di subire violenze, che tu stesso minacci giurando su Dio. Che Dio ti aiuti a trovare il senno, caro fratello.

  6. Io non so cosa sia successo, ma sicuramente lo stabiliranno gli inquirenti con le perizie….si riesce a stabilire dalle angolazioni e alti parametri se un colpo d’arma da fuoco è partito accidentalmente , a che distanza ecc…e l’autopsia stabilirà tutto il resto! il fatto non cambia che un ragazzo è stato ucciso, queste cose non dovrebbero accadere, qualunque sia la nazionalità degli individui,non è giusto entrare in casa della gente a rubare, ma se in Italia il nostro Stato non permettesse a tutti di entrare e ci fossero maggiori controlli, avremmo nuclei familiari composti da stranieri che lavorano e ben inseriti!Mi dispiace tanto che nel 2013 in uno Stato democratico e civile, la gente muoia ancora per strada come fosse un animale…..non c’è giustificazione che regga per giustificare la morte di un ragazzo così giovane.

  7. E’ assurdo che nel 2013 le persone muoiano in questo modo…. per strada come fosse una giungla! Chi pensa che sia giusto, dovrebbe indire un referendum per tutelare la proprietà privata…. in America le case non hanno recinzioni, perchè la proprietà privata è Sacra e si spara e la legge ti tutela!!!! ma qui siamo in Italia e la legge non è cosi. Comunque si sono spezzate due vite, e due famiglie, ma la peggio l’ha avuta chi non c’è più, chi rimane "dato che siamo in uno stato garantista " in qualche modo se la cava sempre.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome