Omicidio Serle, Mirko davanti al Gip riconferma l’accidentalità dello sparo

19

E’ durato quasi due ore l’interrogatorio di convalida dell’arresto di Mirko.F, il 29enne che sabato sera a Serle ha ucciso con un colpo di fucile un ladro albanese di 26 anni dopo averlo cercato in giro per il paese per ore.

Mirko, in compagnia dell’avvocato Gianfranco Abate, è stato raggiunto questa mattina nel carcere di Canton Mombello, dove si trova rinchiuso da sabato notte, dal Gip Paolo Mainardi e ha mantenuto la versione dei fatti che aveva già raccontato ai carabinieri in fase di arresto.

Il meccanico di Serle ha ripetuto la propria versione dei fatti spiegando che non era sua intenzione uccidere il ladro, bensì si sarebbe trattato di un colpo partito accidentalmente dal fucile in seguito ad una collutazione con il 26enne albanese. Il legale del bresciano ha chiesto la scarcerazione del suo assistito e in subordine gli arresti domiciliari, ma il gip si è riservato del tempo per deciderlo.

Nel frattempo nel pomeriggio di mercoledì è in programma l’autopsia sul corpo della vittima: dall’esame balistico sarà possibile stabilire la reale distanza e l’angolazione da dove è partito lo sparo.

Comments

comments

19 Commenti

  1. non ho parole, si tratta di una persona, manco fosse un cinghiale, ma possibile che si possa giustificare un omicidio a freddo per un furto? Potrei capire l’avesse trovato in casa, ma così è pazzesco.

  2. giustizieri,non era certo un cinghiale,ma glielo ha prescritto il medico di entrare notte tempo in una propieta’ altrui?adess basta con sti commenti sempre a favore di caino,io sto dalla parte di abele

  3. Ora che è uscito l’esito della perizia credo che qualcuno possa rettificare la propria posizione, che vedeva Franzoni come giustiziere della notte perfido e spietato, cosa ne dite?
    Sinceramente non sono mai contento quando muore una persona,e non condivido la posizione di chi dice "uno di meno", ma prima di condannare a priori una persona non è forse meglio attendere prove certe? Per qualcuno Franzoni meritava l’ergastolo in partenza…

  4. Tieni conto che c’è molta gente che non pensa che Franzoni sia un giustiziere, ma che magari al posto di Franzoni nelle due ore dopo il furto non avrebbe imbracciato il fucile e avrebbe chiamato i carabinieri. Ma qui basta dire una cosa civile che si diventa "coccolaimmigrati", "amici dei ladri", etc…

  5. tasso svogliato,se invece di leggerti sempre l’unita’ aprissi la mente al mondo,capiresti perche’ sto dalla parte di abele,perche’ non si puo’ sempre sopportare tutte le violenze e dover stare zitti perche’ poi arrivano i soloni come te a sputar sentenze….so che e’ stato ucciso l’albanese,ma non mi dispiace punto,stava in casa sua e non gli sarebbe successo niente…..

  6. @gio 19 dic 2013, ore 10.57
    Tranquillo, non ti ritengo un coccola-immigrati 🙂 però come avrai appurato tendenzialmente commento casi delicati come questo solo quando dispongo di elementi certi; il ragazzo, se non spuntano prove in senso contrario, ha sì aspettato per due ore il ladro, ma solo per recuperare le proprie cose, e non ha sparato con freddezza o tendendo un agguato, il colpo è partito per errore durante una colluttazione. Ti do ragione sul fatto che probabilmente avrei chiamato anche io subito la polizia, ma credo che per il ladro (posto che non si dovrebbe rubare…) sarebbe stato sufficiente lasciare a terra le cose e fuggire invece che andare alle mani con Franzoni, oggi non discuteremmo tanto del caso. Non credi? Cosa ne pensi?

  7. Caino è presentato come il primo assassino. Dio chiese conto a Caino del sangue di suo fratello, al che Caino rispose: "Sono forse il custode di mio fratello?", non denotando alcuna espressione di pentimento e di rimorso…………. ….è CAINO che ha ucciso il fratello ABELE. quindi …..

  8. « Il Signore pose su Caino un segno, perché non lo colpisse chiunque l’avesse incontrato » (Genesi 4,15) – Ovvero nessun uomo ha il diritto di farsi giustizia da sé. Tanto più se non distingue Caino da Abele….

  9. Secondo me non sappiamo ancora tutto dello svolgimento delle cose. Cosa ti posso dire? Io non ho il fucile; se l’avessi lo userei per andare a caccia e non penserei nemmeno di portarlo in giro per altri motivi, così non incorrerei in nessun errore; quando mi hanno rubato in casa ho chiamato i carabinieri, che sono arrivati anche in fretta e che se avessero trovato ancora i ladri in zona sarebbero intervenuti come loro dovere. Poi, siccome essere civili non significa per forza essere buonisti, ti dico anche che uno che va a rubare si può aspettare di pagare delle conseguenze: in questo caso mi sembrano eccessive.

  10. #io, trovo straordinario che citando lo Zingarelli, Caino e Abele tu abbia dedotto che Io sia un comunista che legge l’Unità, probabilmente il match con Lo Zingarelli ti ha conferito dei superpoteri. Ora non ti resta che disegnarti un costume, cucirlo e liberarci da tutti i cattivi.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome