Cromo in A4, Cominelli (Pd) presenta un’interrogazione: il governo intervenga

0

Miriam Cominelli, membro del PD in Commissione Ambiente della Camera, oggi ha presentato un’interrogazione al Ministro Orlando sulla presenza del cromo ritrovato sulla terza corsia dell’A4, sottoscritta anche dai colleghi on. Bazoli, Berlinghieri, Galperti, Lacquaniti, Sberna.

 

“Sulla scoperta casuale della discarica abusiva durante i lavori per la realizzazione del nuovo sottopasso sull’autostrada A4, nel comune di Castegnato, dove è stata rivelata la presenza di cromo in concentrazioni 1400 volte superiori ai limiti di legge, è necessario un intervento urgente del Governo. Per questo proprio oggi ho presentato un’interrogazione parlamentare al Ministro dell’Ambiente Andrea Orlando per chiedere controlli urgenti e immediati per verificare l’entità e la diffusione della presenza di rifiuti pericolosi smaltiti illegalmente sul tratto autostradale interessato, ai fini di tutelare la sicurezza dei cittadini e dell’ambiente e di predisporre un’immediata bonifica delle discariche già portate alla luce dai recenti lavori. Inoltre di avviare le necessarie indagini per risalire ai colpevoli del reato di smaltimento illegale di rifiuti pericolosi, la preoccupante scoperta, infatti, avviene dopo altri ritrovamenti emersi nei mesi scorsi di diverse discariche abusive di rifiuti pericolosi portate alla luce nel corso dei lavori per la realizzazione delle linee dell’alta velocità”, è quando dichiara Miriam Cominelli.

“Nell’interrogazione”, spiega Cominelli, “si evidenzia come i ritrovamenti destano particolare allarme perché appaiono come segnali della pratica criminale portata avanti a partire dagli anni ’70 e proseguita negli anni successivi, coincidenti con la realizzazione della A4, di smaltire illegalmente nei terreni rifiuti pericolosi, tossico nocivi, talvolta utilizzandoli come base del manto stradale per la costruzione di strade e autostrade. Si tratta di un fenomeno di particolare gravità, che come emerso nelle tante indagini portate avanti negli anni dalle Forze dell’Ordine e dalle relazioni parlamentari della Commissione di inchiesta sul ciclo dei rifiuti, ha riguardato non solo le regioni del sud d’Italia, ma anche molte regioni del nord, Lombardia compresa, dove l’attività delle organizzazioni criminali ha trovato terreno fertile nell’alleanza con imprenditori senza scrupoli che hanno minato il futuro dell’ambiente e della salute dei cittadini.”

Comments

comments

LEAVE A REPLY