Metro imbrattata, Del Bono promette tolleranza zero contro i graffitari

8

Caso vicino a una soluzione. Seppure ufficialmente non ci sia ancora alcuna dichiarazione da parte degli inquirenti, il caso del convoglio della metropolitana preso di mira dai writers al Prealpino sarebbe molto vicino ad una soluzione. D’altronde i responsabili del gesto hanno messo su Youtube le loro gesta, quasi a dire come essere rintracciati (ecco il video). Ma non solo: hanno pure un blog dove raccolgono le loro "imprese" (ecco il blog). Il gruppo di "taggatori" (i writers che non eseguono disegni bensì lasciano le loro firme su muri, mezzi pubblici etc.) non sarebbe ignoto alle forze dell’ordine, e sarebbe composto da giovani residenti in province vicine alla nostra, non bresciani dunque. Il loro marchio di fabbrica è la parola FAES.

Durante la presentazione del nuovo portale internet del Comune di Brescia (ecco la notizia) sulla vicenda è intervenuto anche il sindaco di Brescia Emilio del Bono: «Mi aspetto nell’arco di qualche settimana una relazione dettagliata del comandante della municipale sulle attività messe in campo per contrastare il fenomeno. Occorre tolleranza zero su questi atti di inciviltà urbana. Siamo disponibili a dialogare con i writers che vogliono arricchire la città con la loro creatività, altra cosa è imbrattare i muri e i treni della metropolitana». La sfida è stata colta dall’assessore alla Sicurezza
Valter Muchetti, che ha promesso maggiori controlli e una campagna di sensibilizzazione pre prevenire il fenomeno.
(a.c.)

 

Comments

comments

8 COMMENTS

  1. Se non lo havete ancora notato i Vigili a Brescia sono tutti stati riforniti di biro e blocchetti per le multe. Parola d ordine fare cassetto con gli automobilisti i ciclisti e se è possibile anche i pedoni. Ho visto scene in centro che voi umani neanche immaginate….. Ve ne racconto una: Il giorno dell Epifania nella zona di Via Moretto, dopo aver finito il mio turno di lavoro, sono passato a fianco dei parcheggi con le strisce blu, dove una decina di ragazzi di colore costrigevano la gente a pagare un pizzo per parcheggiare in cambio dibiglietti riciclati da altri parcheggianti. Nel frattempo una coppia di solerti Vigili stava multando una macchina di un commerciante che aveva lasciato la macchina con le quattro frecce per scaricare della merce. Faccio notare che la macchina non intralciava in nessun modo il passaggio di pedoni o di veicoli. Che mi ha lasciato sconcertato è stata la frase rivolta da un agente (il piantone) all altro…."Svelto a fa la multo chè lè dre a ruà" A quel punto un po infastidito dall atteggiamento dei due …… sono intervenuto ed ho chiesto ai due "Scusate ma ho visto che li piu avanti per parcheggiare la macchina bisogna pagare il biglietto a persone estranee provocando un danno ingente alle casse comunali, non sarebbe meglio allontanare prima quelli che stare qui nascosti ad aspettare di multare gli automobilisti? Se non sono svelto a chiuder bocca e levare le ancore questi che gia mi avevano apostrofato in modo nervoso e infastidito mi danno anche due manganellate. Purtroppo gli ordini impartiti dal nuopvo Sindaco sono quelli di fare cassetto e non debellare dalle stade questi signori che con questo sistema fanno mancare alle casse del comune migliaia di Euro al giorno, o di pattugliare le strade per garantire una maggior sicurezza.

  2. I due poliziotti locali eseguono degli ordini………immag ina se avessero provato a fermare i coloured….se anche li avessero arrestati senza prenderle i g. subito dopo li mettevano fuori, e se durante l’arresto ci scappava qualche manganellata per legittima difesa…..avrebbero dovuto cominciare a cercarsi l’avvocato per difendersi dai coccolabuonisti. Naturalmente a Mendrisio ci si comporta diversamente.Come mai?

  3. I due vigili li capisco, perchè rischiare guai giudiziari e linciaggi pubblici, facendo rispettare la legge a dei migranti? Sai che polemiche sarebbero scoppiate? A chi pensate che avrebbe manifestato la sua solidarietà il sindaco? Cari bresciani tacete, pagate e alle prossime elezioni votate ancora Del Bono!

  4. hai pienamente ragione, ovunque ormai si vedono queste situazioni, ma al comune non interessa nulla. ps anche la precedente amministrazione che si prodigava come contraria a queste cose, non ha mai fatto nulla. a suon di multe son capaci tutti. del bono manco questa promessa è riuscito a mantenere.

  5. Del Bono sicuramente aumenterà al massimo le tasse di "sua" competenza. Sa benissimo che al prossimo turno sarà calpestato. Proprio per questo preparatevi a restare in mutande!!!!

  6. In effetti quella del pizzo è una balla clamorosa. Più semplicemente ‘sti disperati cercano di riciclare dei biglietti non ancora scaduti e non obbligano e neppure importunano nessuno pur di venderli. Se mai mi sembra che tutta questa tolleranza zero, prima verso la sosta selvaggia, assolutamente gradita da chi ha ancora un residuo di coscienza civica, e ora verso questi miserabili writers sia solo sbandierata. Peccato

LEAVE A REPLY