“Marmotte urlanti” e “Lettori spietati” vincono Storie per gioco, la gara di lettura di Chiari

0
Bsnews whatsapp

Con la vittoria delle "Marmotte urlanti" e dei "Lettori spietati" si è conclusa il 4 aprile l’undicesima edizione di Storie per Gioco, la gara di lettura del Sistema bibliotecario Sud Ovest Bresciano.

1.315 ragazze e ragazzi, 60 classi partecipanti, suddivise tra 33 elementari e 27 prime e seconde medie: questi i numeri della gara. Durante l’anno, da fine novembre a fine marzo, la gara si è svolta su Internet, attraverso un apposito sito web al quale le classi accedevano nelle loro aule informatiche o direttamente con la LIM, la Lavagna Interattiva Multimediale, ormai è entrata in tutti gli istituti. La fase finale della gara invece, quella che si è svolta a Chiari, sede del Sistema bibliotecario, presso il Salone Marchettiano, ha visto gareggiare una di fronte all’altra le 11 classi finaliste (durante la mattina le 5 della scuola primaria, nel pomeriggio le 6 della scuola secondaria).

La vittoria per le elementari è andata agli alunni della classe 5°B di Comezzano-Cizzago, le "Marmotte urlanti", accompagnati durante l’anno scolastico dalla maestra Eleonora Carlino e ben assistiti dal bibliotecario Guerrino Vitari. Al secondo posto gli "Allievi della lettura", di Castelcovati, e a seguire "I muffin" di Camignone di Passirano (ai quali vanno particolari complimenti in quanto la classe è formata solamente da 11 alunni), i "Senti chi legge" ancora di Castelcovati e i "Superlettori all’attacco" di Ospitaletto.

Affollatissima la finale per la scuola secondaria di primo grado, con addirittura sei classi partecipanti per un totale di 138 alunni. E’ stata la squadra dei "Lettori spietati" di Gussago, guidata durante l’anno dalla professoressa Liliana Borghesi ed assistita dalle bibliotecarie Paola Persiani e Chiara Zipponi, a vincere la sfida agguerritissima, dopo uno spareggio mozzafiato per tre squadre arrivate a pari punti, 70, al termine dei primi cinque giochi.
Bravissimi, per questo motivo, i "Pinguini lettori" di Chiari (scuola Toscanini), al secondo posto, e "La Pimpa" di Castegnato al terzo. Al quarto posto una squadra di Monserrato, in provincia di Cagliari: "I first readers", già finalisti lo scorso anno, che un’altra volta dopo aver guidato la classifica provvisoria durante la fase di gioco via internet si sono dovuti arrendere in finale. Sarà che la levataccia mattutina e il viaggio in aereo ha stancato troppo i piccoli super-lettori?
Quinti e sesti rispettivamente "I pinco pallino" ancora di Castegnato e "I letterati animati" di Travagliato.

Veramente belli i premi per i vincitori, entrambi offerti dallo sponsor dell’iniziativa, la Cooperativa Sociale il Nucleo di Chiari, da sempre a fianco del Sistema nel sostegno alla lettura in tutte le forme possibili. Gli alunni di Comezzano-Cizzago hanno ricevuto un buono-omaggio per un soggiorno presso un hotel di Angolo Terme in Valle Camonica, i ragazzi di Gussago invece un fantastico soggiorno, per alunni, insegnati e accompagnatori, presso un agriturismo in Toscana, nel senese.

Il premio migliore però, vista l’entusiastica partecipazione, è stato quello di partecipare a un gioco alla fine del quale, senza nemmeno accorgersene, i partecipanti sono diventati degli accaniti lettori. La "competizione" si è basata su un elenco di libri (due bibliografie da 50 titoli) le cui storie e personaggi sono state poi per 5 settimane l’oggetto di domande, rebus, cruciverba che ogni lunedì le squadre trovavano sul sito della gara: www.sistemasudovestbresciano.it/storiepergioco e dovevano risolvere entro la fine della settimana.

Le biblioteche del Sistema, fin dalla prima edizione, volevano coinvolgere un numero elevato di classi. Gare di lettura se ne fanno molte e da tempo, ma prevedono in genere un numero limitato di classi, spesso della stessa scuola, in quanto risulta complicato e difficoltoso far giocare insieme un numero molto alto di bambini e di bambine provenienti da paesi diversi. Anche per questo: Storie per gioco si svolge soprattutto su Internet. Bibliografia e classifica sono ancora liberamente visibili sul sito da chiunque (quindi anche da genitori, amici, curiosi).

Il torneo è uno strumento per giocare con i libri, proponendo una motivazione che fa leva sulla competitività derivante dal gioco, ma confidando – per appassionare poi i ragazzi alla lettura – nella selezione di libri molto belli e avvincenti. Un ulteriore particolarità dell’iniziativa deriva dalla modalità originale di gareggiare in rete, che gli insegnanti possono trasformare in una occasione per far prendere confidenza con gli strumenti informatici: la navigazione nelle pagine del gioco, l’uso dei form e della posta elettronica per le risposte e così via.

Le finali della gara sono state dunque il punto terminale di un complesso percorso nel quale biblioteche e istituti educativi hanno collaborato efficacemente in vista di un obbiettivo semplice ma estremamente difficile da raggiungere: avvicinare i piccoli lettori ai libri, usando il gioco per aprire loro un mondo la cui ricchezza si spera non li abbandonerà più.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI