Cinghiali: aumento fuori controllo nell’Alto Garda. Il 98% dei capi sara’ abbattuto

0

L’obiettivo è clamorosamente ambizioso: abbattere il 98% dei cinghiali presenti nel Parco Alto Garda. Questo il responso del progetto di contenimento del cingiale redatto da Provincia di Brescia e Comunità Montana un anno fa, quando fu steso un protocollo di azione che entrerà nel vivo fra poco.

A partire da giovedì 5 giugno tutti i giovedì enterà in azione (nei boschi di comuni dove solitamente l’attività venatoria è preclusa, Gargnano, Valvestino, Tignale e Tremosine) una squadra composta da un minimo di tre a un massimo di cinque cacciatori abilitati che potranno abbatere i cinghiali per fa sì che si diminuisca drasticamente la loro presenza. Oltre a rappresentare un beneficio per la varietà faunistica del parco, i cinghiali – soprattutto perché il loro numero è in costante crescita – rappresentano anche un grave danno per le coltivazioni e la salvaguardia della vegetazione.

I capi battauuti saranno conferiti al macello della Cooperativa Alpe del Garda a Tremosine. I cacciatori come compenso del loro lavoro potranno tenere un capo ogni dieci abbattuti.  
(a.c.)

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome