Delirio sull’autobus: indagati tre giovani per interruzione del servizio

34

Una sessantina di giovani giovedì pomeriggio sono saliti sull’autobus alla stazione di Desenzano del Garda per raggiungere Brescia. Peccato che volessero viaggiare gratis. Il conducente dell’autobus prima ha intimato loro di pagare, ma senza grandi risultati.

A quel punto qualcuno ha abbandonato l’idea scendendo di propria volontà dall’autobus, mentre altri hanno deciso di pagare il viaggio. I più cocciuti sono stati tre ragazzi di origine marocchina di 31, 19 e 16 anni che, anche dopo le proteste del conducente, hanno continuato a creare disturbo sul mezzo prendendo addirittura prendendo a calci la gettoneria e provocando quindi la fermata della corsa per 40 minuti, tempo necessario per allertare il 113 e attendere l’arrivo dei poliziotti del commissariato di Desenzano. I militari hanno così avviato le pratiche di espulsione per uno di loro, in quanto già segnalato. I tre sono stati indagati per interruzione di pubblico ufficio.

Comments

comments

34 COMMENTS

  1. Non so siano più teste di mazzo sti ragazzi che vandalizzano un pullman per viaggiare gratis o questi due qui sotto che vorrebbero bruciarli.

  2. Voglio vederci chiaro, mi sembra strano, i marocchini che conosco io sono tutti degli angioletti che aiutano le vecchiette ad attraversare la strada…non è che qualche razzista/leghista li ha provocati? Dimenticavo: domenica 25 maggio tutti a votare PD, mi raccomando!

  3. Attila già il tuo nickname si commenta da solo manco sto a replicare alle tue inutili provocazioni sarai un barbaro sognante. Stessa cosa per quello che è ossessionato da Carlos ma dico io ma non vi vergognate a fare propaganda leghista dopo 20 anni che non avete concluso niente parole parole parole mazzette e scandali come tutti gli altri della Roma ladrona. Cornuti e mazziati ma la lezione non l’ avete imparata anzi sembra ci prendiate gusto a farvi prendere per il culo. Non perdere tempo a vomitare le tue sentenze sul PD ecc che tanto non voto nemmeno quello.

  4. Ribadisco teste di mazzo i tipi da prendere a sberle da qua ad agosto, ma che cxxxo c’entra il napalm l’accendino la diavolina e tutte ste idioxxx di una violenza verbale inquietante. Chi parla così si dimostra di gran lunga peggiore o comunque sullo stesso piano di quei ragazzi del pullman e con un cervello sottosviluppato.
    Di ci a me di mettermi nei panni dell’ autista come tu potresti metterti nei panni di chi da extracomunitario per caso imbatte in commenti simili da decerebrati.Se avessi letto bene il mio primo intervento avresti visto che condannavo il gesto. C’è poi gente che si attacca alla politica come se i politici avessero fatto mai qualcosa di concreto oltre ai vari bla bla bla.
    Prima di tutto vennero a prendere gli zingari
    e fui contento, perché rubacchiavano.
    Poi vennero a prendere gli ebrei
    e stetti zitto, perché mi stavano antipatici.
    Poi vennero a prendere gli omosessuali,
    e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi.
    Poi vennero a prendere i comunisti,
    e io non dissi niente, perché non ero comunista.
    Un giorno vennero a prendere me,
    e non c’era rimasto nessuno a protestare.

  5. E’ vecchia come il cucco quella degli "e vennero a prendere gli zingari, ecc": semplicemente qui c’è un sacco di gente che non ha titolo e meriti per restare, unica soluzione è allontanarli. Ci sono partiti già nominati che propendono per porte aperte a tutti in barba a qualunque forma di difesa. Questo è il quanto.

  6. Vecchia come il cucco ma mai così attuale. E ci sono partiti già nominati che hanno chiacchierato per vent’anni senza aver concluso nulla di quello che promettevano.

  7. Ehi, egregio utente "Censurato" saranno certamente i Vostri amici (siano essi piddini,pentastellat i o progressisti di varia natura) a risolvere il problema dei clandestini e di chi non rispetta le leggi ….Accogliendoli tutti indiscriminatamente. Così Voi vorreste risolvere questo problema. Cominciate con il prenderli a casa Vostra….

  8. Ehi, egregio utente Rob59 non ti preoccupare che se i miei amici, come li chiami tu, non risolvono il problema dei clandestini sono in buona compagnia perché anche i tuoi amici non l’ hanno risolto fino ad oggi. Ma visto che i tuoi amici sono proprio di una certa corrente, ormai in disuso, attiva nella prima metà del secolo scorso abbiamo visto in che modo gestivano i rapporti internazionali. Che poi scusa che ci siete andati a fare a disturbare le popolazioni africane se poi a voi gli africani in Italia danno fastidio? Viste queste premesse è un po’ dura mascherare la xenofobia con la solidarietà verso i connazionali.

  9. allora che ne pensate dell,australia svizzera etc.sono tutti razzisti?fanno bene che che ce ne facciamo dei mussulmani aprite gli occhi!!!!!!!!!!!!!!!

  10. scusami se ti ho offeso vorra dire che la farai nel tuo giardino la moschea,poi nn dico hulla di strano 80×100 degli italiani la pensano come me anche se nn lo dicono

  11. Caro utente “Censurato“,purtro ppo vediamo come stanno gestendo bene i rapporti internazionali i Vostri amici : “ a 90 gradi con tutti….siamo essi yankee che “frateli migranti“. Sù,sù adesso arriva il fratello di Fonzie a sistemare tutto….Basta vedere gli indici economici e criminali dove ci stanno portando queste persone. Come il caro “compagno G“, anche lui iscritto al partito di Genovese e del sig. Renzi….Il nuovo che avanza.
    NB Noi non apparteniamo a nessuna delle categorie politiche da Voi conosciute (o misconosciute), pertanot restate nel Vostro mondo in cui “tanto Vi amate“.

  12. Una fonte decisamente attendibile; peccato che si esprima solo al bar o sui blog, ma non quando si trova nella cabina elettorale. Infatti nessuna forza politica è mai riuscita a raggiungere l’80% alle elezioni. Ti consiglio di accordarti con quell’80% e candidarti alle prossime … hai la vittoria in pugno!

  13. Basta usare il plurale, il coccolaimmigrati che infesta questo sito è solo uno…..è un poveretto difensore dei fratelli migranti,vive nel mondo delle favole.

  14. Che differenza passa tra i cretini che hanno devastato il bus ed i commentatori razzisti (i due-tre soliti noti)? Ben poca: sono incivili, prepotenti e senza argomenti se non slogan da stadio urlati e mai pensati. Sfogano le loro frustrazioni come possono e per questo motivo vanno tenuti in riga. Gli uni come gli altri, meriterebbero una lezione comune: in cella tutti insieme così si regolano tra di loro. Gli uni come gli altri sono una offesa per le brave persone (italiani e stranieri) che ogni giorno lavorano e mandano avanti questo paese.

  15. Comunque finalmente stasera ho visto la nostra città tornare ai bresciani…era ora… Speriamo che queste occasioni diventino normalità

  16. Ciò che sarebbe successo in uno di questi Paesi dipende dal "chi sono" i giovani: se sono figli di qualche personaggio ricco o importante se la sarebbero cavata con un’educata ramanzina, se sono dei poveracci avrebbero preso un fracco di botte e sarebbero finiti in galera.

  17. Quel che piu’ spaventa e’ che quello della violenza da parte di stranieri e’ diventato un problema sociale gravissimo.Non riconoscerlo e’ ancor piu’ grave.Non parliamo inutilmente di razzismo,che non c’entra nulla….Basta leggere i giornali per vedere chi delinque e sono quasi sempre loro.Prima o poi ci scappa il morto,la gente ha paura…

  18. Sono un’insegnante, è capitato a me un mese fa di vedere su un autobus che dal centro portava in periferia all’ora di uscita delle scuole superiori, i controllori salire sull’autobus e chiedere i biglietti o l’abbonamento ai ragazzini italiani ed "evitare" palesemente di chiedere la stessa cosa a quattro adulti tunisini o magrebini tutti e quattro al telefono …..devo dire che ho fatto la codarda…non ho detto nulla ai controllori ma li ho fulminati con lo sguardo…..non ho avuto il coraggio di dire nulla…avevo paura!!!! Penso che si sentissero impauriti anche quei controllori…Ma vi rendete conto di cosa è diventata la nostra bella Brescia? Vi sarà capitato di prendere la metro…avete visto chi sono quelli che pagano il biglietto…i bresciani…ho visto gruppi di mamme straniere con passeggini e bimbi al seguito…salire e non pagare nessun biglietto..e pensare che ho sempre insegnato ai miei alunni l’uguaglianza e il rispetto per le persone e per le cose pubbliche…ci credo ancora fermamente …ma ho pensato a quei ragazzini bresciani sull’autobus…cosa avranno pensato?

  19. Ho lavorato in metro e devo smentire ciò che asserisce l’insegnante qui sotto. Non ho notato un’ incidenza maggiore di evasione da parte degli stranieri. Naturalmente la mia esperienza in metro è stata limitata quindi potrei essere smentito da dati ufficiali che non sono certo le parole di angelo del focolare basate sulla sua personale esperienza. Riporto anch’ io allora un’ esperienza personale, una scena vista con i miei occhi di un signore in giacca e cravatta palesemente italiano tentare la fuga sulle scale mobili alla richiesta del biglietto da parte dei controllori e fermarsi soltanto di fronte all’ avvertimento urlato da un controllore :" telecamere in funzione la prendiamo comunque". Scena esilarante.

  20. sta la contraddizione fra ART 27 Cost "Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato" e qualche mese a scaccare pietre nella cave di Botticino … Il senso di umanità c’è tutto perchè il lavoro nobilita l’uomo e il condannato si rieduca eccome …

LEAVE A REPLY