Da provocazione sequestrata a opera d’arte ufficiale: il “sacco Cavellini” all’ex Tribunale

0

E’ diventata un’opera d’arte ufficiale quella che fu una provocazione installata dai Gac Warriors come omaggio a Cavellini lo scorso 8 maggio. L’opera, che era stata messa sul piedistallo che fu del Bigio era nelle mani della Polizia locale, che quel mattino l’avevano rimossa e sequestrata. Oggi l’opera, un grande sacco dedicato all’artista, è stata restituita ai suoi creatori ed è stata depositato mercoledì pomeriggio nel cortile dell’ex Tribunale. Come riporta il Giornale di Brescia l’Assessore Laura Castelletti ha assicurato che l’opera sarà esposta il 21 giugno in occasione della Festa della musica. 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. La botte dà il vino che ha. L’assessore misura la cultura col suo metro. Sindaco, è sicuro che ci meritiamo questo?!

  2. Come non convenire con gli utenti qui sotto. Sindaco ma non si puo’ fare qualcosa per arginare questo nulla senza fine?

  3. Aspettiamo l’assessore alla Cultura ad un evento (così, scandalosamente, sono ormai definite le rappresnetazioni teatrali) importante: propongo l’inaugurazione della stagione lirica del Grande in ottobre con la "Madama Butterfly2 di Puccini, 110 anni dopo il trionfo proprio al teatro cittadino. Le posso dare lezioni private su tutto: trama , libretto, partitura, personaggi, temi e persino presentarle di persona l’eccellente Direttore Giampaolo Bisanti, che il dramma lirico pucciniano ha già diretto decine di volte in Itaia e nel mondo. Lasci perdere il "sacco Cavellini" sennò le citiamo il finale pucciniano: "con onor (politico) muore (politicamente) chi non può serbar vita (politica) con onore (politico)".

  4. Mentre qualcuno attende le dichiarazioni dell’assessore della cultura, noi fortunatamente non dobbiamo attendere quelle dei suoi colti estimatori che con tempestività ci dicono il loro pensiero. Toppe sulla giacca e pantaloni di velluto. La cultura ai colti, perbacco!

  5. Ve lo meritate, Alberto Sordi! Ve lo meritate questo assessore alla cultura! Viva la Cultura! Viva Ejzenštejn. A morte il nulla dell’assessore.

  6. E io che il mio lui ha la vespa e ci vediamo i films dessè.
    Me lo merito anch’io Alberto Sordi?
    Io che sono figlia delle stelle.
    Io che amo l’opera, la Sturandot. Cavallini? Ma è l’ex presidente della provincia? Lo stilista?
    Viva la cultura classica. Abbasso le scarpe dell’assessore.
    Vi amo. Ma soprattutto te, Stradi.

  7. Un attimo che mi infilo le allstars anche se ho 42 anni. Prendo la mia reflex digitale, lascio la barbetta crescere un poco et voila’ … pronto anche stasera per il mio ape in zona carmine. Sempre importante farsi vedere dalle ragazzine, sia mai che pure stasera riesco a fare un giro sulla giostra. W la cul-tura

  8. Claudia e attese: due commenti il cui significato mi sfugge. Forde voi siete molto intelligenti e io tonto. Quanto all’inglesofono, gli suggerisco di mettere a punto grammatica e sintassi, se vuole stupirci. Peraltro chiunque, al giorno d’oggi, sa dire quattro parole in inglese, sostenitori dell’assessore alla cultura compresi.

  9. おめ&#12 391;とう = complimenti (in giapponese) a Claudia T., ricambio con affetto. Il tuo Pinkerton…

  10. Ho finito ora cari amici cruscanti, mi ci metto anch’io a sputare addosso all’assessora che ignora. Fortunatamente ci siamo noi dal naso fino e dal pensiero sottile e dalla laurea ostensibile. Del Bono dovrebbe saperlo che il pop non rende nè ce lo meritiamo: con Nanni Moretti il 20%, con Fonzie da Amici il 40%.

  11. Il testo tradotto (inglese) stavolta lo ometto. "Google traduttore" stasera non funziona. Vedo invece che da voi Wikipedia funziona alla perfezione. Che cultoroni!

  12. Effettivamente abbiamo dormito tutti bene, chi finalmente assicurato dall’assessora che ignora e chi ignaro dei commenti colti di chi su di lei coltamente vigila. Buona giornata. PS: non perdiamoci le performance del PMCE stasera a Cetona (Arvo Pärt).

  13. …fermento! Sento un’energia positiva questo venerdi mattina. A Claudia T. dico: il Bartezzaghi lo facevo a igea marina negli anni ’90, ora mi sono evoluto e radicalchikkizzato. Lo organizziamo o no questo vernissage a gambe incrociate sul castello?

LEAVE A REPLY