Tav, Borghesi e Volpi (Lega): si sgravino i commercianti dai tributi durante i lavori

0

Un intervento diretto del Governo che «sgravi» i commercianti sul fronte  fiscale e alleggerisca la pressione dei tributi durante il periodo di apertura  dei cantieri Tav. E’ questa la richiesta che i deputati leghisti Stefano  Borghesi e Raffaele Volpi chiederanno in aula nei prossimi giorni. Una presa di posizione nettamente schierata a favore dei commercianti «in gabbia» che arriva  nel giorno in cui anche il capogruppo in Loggia, Nicola Gallizioli, e il consigliere Massimo Tacconi hanno puntato il dito contro l’immobilità dell’ amministrazione comunale. «La Lega Nord da sempre ha chiesto al Governo di rivedere il tracciato Tav nelle sue criticità – ha sottolineato l’onorevole  Stefano Borghesi -. In primo luogo ci preoccupa il passaggio sulle colline del Garda, senza dimenticare quello ancor più invasivo in città. Il Governo deve capire che se è vero che l’alta velocità potrebbe portare benefici economici futuri, adesso rischia solo di portare povertà e chiusure di attività commerciali. Per questo chiediamo un impegno concreto a sostegno di chi rimarrà per mesi prigioniero dei cantieri. Il Governo, prim,a ancora della regione e del Comune, deve sostenere i negozianti alleggerendoli ad esempio della Tasi».

 

Nei prossimi giorni Borghesi predisporrà una interrogazione al Ministro dei trasporti Lupi per chiedere quasi saranno le contromisure del Governo per tamponare la situazione nel bresciano. Intanto in Loggia i consiglieri leghisti pensano anche all’effetto imbuto che la chiusura di via Dalmazia provocherà sulle vie attigue, tagliando in due la periferia di Brescia. Un problema che dovrà essere risolto dal Comune e dal suo ufficio traffico".

Comments

comments

LEAVE A REPLY