Anguille alla diossina, divieto di pesca prorogato di un altro anno

0

Il primo stop, della durata di due anni, nel 2011. Il secondo un anno fa, ed ora il terzo: per un altro anno il Ministero della Salute vieta di pescare e consumare le anguille proveninenti dalle acque del Lago di Garda. 

La decisione, forse nessuno si aspettava il contrario, è stata presa perché persistono i livelli di contaminazione del pesce, e dunque i rischi connessi alla salute umana. Il motivo per il quale il grasso delle anguille contiene diossine cancerogene (in valori superiori di quattro volte rispetto al limite consentito) è da ricercare nella presenza in acqua di miscele di policlorobifenili utilizzate fino agli anni Settanta (da allora sono fuorilegge) come fluidi dielettrici o lubrificanti, soprattutto in applicazioni industriali. 

Le analisi, effettuate su molte specie di pesci, hanno fatto riscontrare valori fuori norma solo per le anguille: coregoni, sarde, lucci, persici, trote, tinche e altri pesci possono essere consumati.
(a.c.)

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome