Il Magazzino 47 contro il regolamento di polizia urbana: “Riprendiamoci la città”

12

Con un comunicato i rappresentati del centro sociale Magazzino 47 presentano un percorso politico e sociale – "Riprendiamoci la città" – che avrà l’intento di ottenere l’agibilità degli spazi pubblici e contro il regolamento di polizia locale, contro le recenti ordinanze di "coprifuoco" considerate anti-movida dell’Amministrazione Comunale e per una maggiore disponibilità alla socialità e al tempo libero degli spazi cittadini.

DI SEGUITO IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO:

In una società che pretende di relegarci a semplici consumatori, le politiche correnti (locali, nazionali e sovranazionali) puntano a precarizzare ed alienare tutti gli aspetti delle nostre esistenze, imponendoci di essere sempre più produttivi e facendo sì che il nostro ruolo sociale sia solo quello di consumare i beni e servizi necessari alla riproduzione del sistema economico. Tutto il resto, invece, è da abolire e limitare poiché non produce “ricchezza”.
Ricchezza che comunque è e deve rimanere per pochi.
Dopo austerity e leggi sul lavoro (#jobsact) che, sul piano nazionale, attaccano condizioni di vita e diritti di lavoratori, studenti, precari, disoccupati, l’attuale Amministrazione Comunale di Brescia, in assoluta continuità con le precedenti, rincara la dose andando a colpire direttamente gli spazi e i tempi della socialità.
Con il regolamento comunale, infatti, si attacca il diritto sociale di vivere la città: da un lato viene criminalizzata persino la movida generata dai locali (che, anche da un punto di vista istituzionale, potrebbe essere vista come attrattiva ed in grado di rivitalizzare quartieri altrimenti abbandonati a loro stessi da politiche sociali e culturali inesistenti), dall’altro si attaccano direttamente tutte quelle forme di socialità e aggregazione fuori dalle logiche del profitto.
Alcuni esempi di gestione degli spazi della città:

– Nel quartiere Carmine alle 22.31 scatta il coprifuoco per la musica dal vivo mentre in altri luoghi (solo Piazzale Arnaldo) alle 23.30?
– In piazza, nelle strade e nei parchi pubblici non si può bere una birra nè alcolici di alcun genere, ma se vai in coma etilico al chiosco o in un bar non interessa a nessuno?
– Se prendi una pizza da asporto e la mangi in giro, oppure organizzi un pic-nic al parco, ti becchi una multa più salata della pizza stessa?
– Non si può più organizzare una grigliata domenicale nel verde pubblico, perchè il comune ha zelantemente rimosso gli ultimi posti attrezzati dove era possibile (ad esempio al Parco delle Stagioni)?
– Al parco è severamente vietato giocare e praticare sport di gruppo, inclusi calcetto, cricket e persino il pericolosissimo frisbee?
– Se leghi la bici in un qualsiasi posto che non è una delle pochissime rastrelliere pubbliche ti viene rimossa e devi pagare per riaverla, anche se l’hai legata ad un palo della luce?
– La crisi morde e i conti del comune sono sempre più in rosso, ma per Sindaco e compagnia il nemico pubblico numero uno sono i writers e chi osa contaminare i grigi muri della città con disegni e colori?
– In città è vietato sedersi anche per poco su scalini o qualsiasi cosa non sia una panchina, (ma a ben vedere il comune ne sta togliendo da anni sempre più)? E che anche al parco non ci si può sedere e bivaccare nel verde (che, a questo punto, a cosa servirà mai)?

Comments

comments

12 COMMENTS

  1. ma cari compagni "antagonisti", non Vi basta organizzare la Vostra festicciola ….Vi hanno anche costruito un posto ad hoc per divertirVi….Suvvia , non tediateci più con le Vostre fregnacce.Non Vi bastano le varie occupazioni più o meno abusive che la giunta comunale e questo Stato Vi regalano e Vi lasciano "gestire"…Suvvia "rivoluzionari" andate a farVi qualche "canna" antirazzista e antifascista. Forse solo così Vi sentite realizzati……

  2. Caro utente "a proposito di canne…",sicurament e chi si fa le canne o si droga in generale NON E’ FASCISTA. Per un semplice motivo:LA DROGA E’ ANTIFASCISTA.Se uno si considera o dichiara fascista e si droga la cosa è molto semplice:NON E’FASCISTA.

  3. FESTICCIOLA di RADIO ONDA D’ URTO ? Prova fare 100.000 persone (quanto dichiarano loro) per una media di 50,00 euro a persona su due settimane di FESTA ….. Sapete quanto fa ??? Fa la bellezza di 5.000.000,00 di euro ESENTASSE ! Alla faccia dei KOMPAGNI ANTAGONISTI !

  4. A maggio dello scorso anno, a Milano, nella stessa macchina vengono fermati dalla polizia Domenico Bosa, conosciuto come Mimmo Hammer, noto esponente dei neofascisti milanesi, e Salvatore Geraci. Entrambi sono personaggi noti alle autorità investigative. Domenico Bosa è stato più volte fermato assieme a Stefano Del Miglio e Giacomo Pedrazzoli, due neofascisti milanesi coinvolti nel 2004 nell’assalto armato al centro sociale Conchetta. Salvatore Geraci, invece, viene segnalato dalla polizia giudiziaria per essere “un pluripregiudicato per rapina, sequestro di persona, armi e droga”. I due vengono fermati in macchina, identificati e lasciati ripartire. Ma l’identificazione è il filo conduttore di un’inchiesta, anzi due, che hanno avuto sviluppi recenti e significativi nella conferma delle connessioni tra fascisti, criminalità organizzata e traffico di droga. La prima inchiesta, condotta dal Gico della Guardia di Finanza, è stata, chiusa nel dicembre 2013, e certifica i rapporti tra Domenico Bosa (che però non è indagato nell’inchiesta) e il narcotrafficante montenegrino Milutin Todorovic. Quest’ultimo, a sua volta, è in contatto con la ‘ndrangheta del boss Pepè Flachi. La seconda inchiesta, chiusa invece il 24 marzo 2014, ha portato in carcere Dragomir Petrovic detto Draga, un malavitoso serbo già noto per la strage al ristorante La Strega di via Moncucco (1979). Dall’ordinanza d’arresto firmata dal gip Chiara Valori emergono, netti, i rapporti tra Draga e lo stesso Salvatore Geraci (l’uomo fermato in macchina insieme a Domenico Bosa) nel pianificare partite da centinaia di chili di droga. Le due inchieste hanno portato ad una ventina di arresti e squarciato il velo su una parte rilevante della nuova malavita milanese. Ma il traffico di armi e droga si incrocia in più punti con gli ambienti neofascisti di Milano. E qui tornano evidenti le connessioni del recente passato.
    Secondo quanto riporta Saverio Ferrari su Osservatorio Democratico: “Il 16 dicem­bre scorso, pro­mosso da un coor­di­na­mento di sigle neo­fa­sci­ste per cele­brare il tren­ten­nale della scomparsa, per inci­dente stra­dale, di Carlo Ven­tu­rino, il fon­da­tore degli «Amici del vento», gruppo musi­cale di estrema destra, tenu­tosi al Music Hall Madi­son, una sto­rica disco­teca situata in via Gio­vanni da Udine, peri­fe­ria nord ovest di Milano. Il locale era già finito sulle pagine di cro­naca nel dicem­bre 2006, nell’ambito dell’inchiesta «Soprano», che portò alla sua chiu­sura. Il Madi­son era allora gui­dato da Vin­cenzo Fal­zetta, detto «O’ banana», che l’aveva acqui­sito per conto della fami­glia cala­brese dei Coco Tro­vato per rici­clare denaro e spac­ciare cocaina. Ria­prì solo nel 2009. Attual­mente a gestirlo è la Par, par­te­ci­pa­zioni alber­ghiere e risto­ra­zioni, una società a respon­sa­bi­lità limi­tata che risulta essere di pro­prietà di tre soci, gli stessi che l’hanno con­cesso in affitto ai pro­mo­tori del con­certo. Uno di que­sti, Anto­nio Luca Biasi, detto «Lulù», è rima­sto coin­volto nel feb­braio 2011 nell’operazione «Carpe diem», con­dotta dal Gico e dalla Dire­zione distret­tuale anti­ma­fia di Salerno: 35 arre­sti per traf­fico inter­na­zio­nale di droga con rela­tivo sman­tel­la­mento del clan di Giu­seppe Alfano alias “Peppe o’ squalo”. In altro passaggio Ferrari così ricostruisce le connessioni con la recente inchiesta milanese sui legami tra fascisti e n’drangheta calabrese: “E’ emerso che la nuova sede, in zona Cer­tosa, tra via San Bru­none e via Pareto (gli stessi locali per qual­che tempo già di «Cuore nero»), appena inau­gu­rata da «Lealtà azione», ovvero l’associazione fian­cheg­gia­trice la rete neo­na­zi sta di Ham­mer­skin, sia stata data in «como­dato d’uso gra­tuito» nien­te­meno che da Miche­lan­gelo Tibaldi, citato nel rap­porto della Com­mis­sione anti­ma­fia del 2012 che portò allo scio­gli­mento, nell’ottobre dello stesso anno, del comune di Reg­gio Cala­bria, come l’emissario del boss mafioso Santo Crucitti. Tibaldi, attual­mente inda­gato, figura come socio unico della Milasl srl, pro­prie­ta­ria degli spazi, pre­ce­den­te­mente nelle mani di Lino Gua­glia­none che nel 2007 ven­dette tutte le quote a Tibaldi, pur rima­nendo ammi­ni­stra­tore unico fino al marzo 2010. Guarda caso la sede della società in un primo momento era pro­prio in via Durini 14 (ora è a Reg­gio Cala­bria), ovvero allo stesso indi­rizzo della Mgim, lo stu­dio di com­mer­cia­li­sti di cui Lino Gua­glia­none è socio. Stu­dio sotto il quale il 17 set­tem­bre 2009 lo stesso Gua­glia­none fu foto­gra­fato dai cara­bi­nieri in com­pa­gnia di Paolo Mar­tino, con­si­de­rato uno dei più influenti capi della ‘ndran­gheta a Milano.
    Di Pasquale «Lino» Gua­glia­none, si è già scritto e detto molto: ex teso­riere dei Nar (i Nuclei armati rivo­lu­zio­nari fon­dati nel 1977 dal ter­ro­ri­sta nero Giu­sva Fio­ra­vanti), con­dan­nato con sen­tenza defi­ni­tiva per asso­cia­zione sov­ver­siva e banda armata, can­di­dato nel 2005 per Alleanza nazio­nale alle regio­nali, com­mer­cia­li­sta, curio­sa­mente, non iscritto all’albo a Milano ma a Reg­gio Calabria.Forse non così casuale il con­ti­nuo sovrap­porsi, anche recente, fra estrema destra e cri­mi­na­lità orga­niz­zata. Solo un dato di continuità”. Continuità. Da questo occorre partire e questo va sempre tenuto bene in mente per non fare dell’antifascismo un fattore di liturgia ma è un fronte di lotta anche in tempi come questi. Ad esempio perchè Milano è la città dove un commando (misto?) uccise nel 1978 Fausto e Iaio, due giovani attivisti del Centro Sociale Leoncavallo che stavano conducendo una inchiesta proprio sui legami tra i fascisti e il boom dello spaccio di eroina nel territorio milanese. E anche su questo le date sono importanti. Il 1978 non è un anno qualsiasi. Dai verbali della Commissione parlamentare antimafia della XI legislatura, presieduta da Luciano Violante, il boss mafioso Tommaso Buscetta, nella dodicesima seduta della Commissione riferisce che il traffico di stupefacenti in Italia era iniziato solo nel 1978, benché fosse risaputa sin dalla relazione finale della Commissione parlamentare d’inchiesta sul fenomeno della mafia in Sicilia, della VI legislatura, l’attività di narcotraffico della mafia siciliana strutturata da anni da Lucky Luciano in direzione degli gli Stati Uniti (la sola New York, negli anni ’50, necessitava di almeno 100 kg di eroina al giorno, fornita ai Gambino dai clan palermitani). La crescita del traffico di droga, rispetto al contrabbando, secondo Buscetta, costituì una vera e propria rottura epocale del sistema dei valori della mafia tradizionale, che implicò anche i principi dell’affiliazione, portando alla luce le famiglie più grosse e numerose, quelle che potevano contare su più parenti emigrati all’estero ed in Italia. Il 1978 è dunque un anno decisivo, uno spartiacque temporale per il boom della diffusione dell’eroina nel nostro paese strettamente connesso alla storia dei movimenti e del conflitto sociale. L’anno prima, il 1977,un ampio e combattivo movimento si era diffuso in tutte le principali aree metropolitane contro la politica dei sacrifici e il governo del compromesso storico Dc-Pci. Decine di manifestazioni, scontri, morti nelle piazze, il comizio di Lama contestato all’università di Roma, i primi vagiti dei gruppi clandestini della sinistra. Contro quel movimento fu scatenata una controffensiva violenta in cui gli apparati dello Stato misero in campo tutto l’armamentario di cui disponevano, inclusi i gruppi neofascisti e malavitosi (non a caso a Roma sono gli anni della crescita della “Banda della Magliana”). Lo spaccio massiccio di eroina “a prezzi stracciati” nei quartieri popolari e nei settori giovanili è parte di questa controffensiva. L’idea era stata elaborata solo qualche anno prima. A rivelarlo è un fascista interrogato per la Strage di Brescia, Roberto Cavallaro. Arrestato ed inquisito dalla magistratura nell’ambito dell’indagine sul fallito golpe, riferì agli organi inquirenti che, nel 1972, mentre si trovava in addestramento in Francia, apprese dell’esistenza di una operazione segreta della CIA in Italia, denominata Blue Moon, con l’obiettivo della diffusione delle sostanze stupefacenti a base di oppiacei tra i giovani delle principali città italiane e per sviluppare disgregazione sociale, con l’obiettivo di diffondere il consumo di droga negli ambienti sociali vicini all’area della contestazione studentesca, fiaccandone le velleità rivoluzionarie ed esaltandone gli istinti individualisti ed anarcoidi, come già era stato sperimentato con successo negli USA. L’operazione Blue Moon “era condotta in Italia dai servizi statunitensi utilizzando uomini e strutture che facevano capo alle rappresentanze ufficiali di quel paese in Italia.”

    Sui legami tra fascisti e traffico di droga potremmo rammentare agli smemorati o ai poco informati episodi più recenti. A ottobre del 2008 i Carabinieri, hanno arrestato Angelo Manfrin, attivo in una rete di spaccio che aveva basi a Rovigo, Ferrara e Modena, oltre che a Verona, Padova e Milano . Angelo Manfrin, 64 anni, è un notissimo neofascista dei Nar, condannato nell’aprile 1990 dalla Corte d’Assise d’Appello di Venezia per associazione per delinquere, in concorso anche con Gilberto Cavallini, Giusva Fioravanti e Francesca Mambro. Ora e’ risultato essere l’organizzatore di un vasto traffico di droga destinata ai mercati veneto, emiliano e lombardo, nonchè di una capillare rete distributiva con basi in vari città. Manfrin si avvaleva soprattutto della complicità di un altro personaggio, Roberto Frigato, anch’egli noto esponente della destra. ex Ordine Nuovo, recentemente – sembra – legato alla Fiamma Tricolore. “Il fatto che questa gente gravitasse nell’area della destra eversiva ci mette sull’avviso – dichiarò all’epoca ai giornalisti il capo della Dda di Venezia Vittorio Borraccetti a seguito dell’operazione – Vogliamo capire il senso della presenza di questi personaggi. Al momento siamo di fronte ad un gruppo che operava nel narcotraffico. Intendiamo comprendere se il ricavato di questa attività fosse destinato anche ad un impiego di carattere eversivo”. Oppure è difficile non rammentare l’arresto nel 2012 del noto esponente neofascista romano Emanuele Macchi Di Cellere (quello che in carcere veniva definito l’angelo custode di Concutelli) con una partita di ben 165 chili di cocaina proveniente dall’America Centrale. Le reti degli “uomini neri” e il loro lavoro sporco dunque non si sono mai interrotti. I fascisti stanno provando in molti modi a rifarsi una verginità “politica”. Ma fatti come questi li inchiodano ad una realtà che neanche le indulgenti relazioni dei servizi segreti italiani possono omettere ancora a lungo. L’inchiesta prosegue.

  5. Caro utente scribacchino (il Vostro nickname è troppo lungo),innanzitutto complimenti per il tempo libero che avete per scrivere…Le Vostre presunte rivelazioni confermano quanto detto da noi.E poi, cari rivoluzionari , continuate a produrre documenti del tanto odiato da Voi (a parole) Stato borghese dei vari "servizi" .Chi si droga NON é FASCISTA.In fin dei conti le varie "feste del raccolto" le fanno i centri sociali….e , guardate chi è a favore della liberalizzazione dei vari tipi di droghe. Quindi, caro utente, le sue divagazioni onaniste nate da informative della pubblica sicurezza le dovreste usare a Vostro uso e consumo…. Vi ripetiamo:la DROGA é ANTIFASCISTA.Per un semplice motivo: i fascisti non si drogano…gli antifascisti sì…. Fatevene una ragione….

  6. Mi chiedo se Rob 59 scriva da solo i suoi post o abbia un ufficio stampa apposito che si occupa di farlo mentre lui lavora e produce, dato che si complimenta ironicamente con l’ utente scribacchino per il tempo libero che impiega scrivendo commenti.

  7. Con tanta roba da smazzare per le mani, una sniffatina ogni tanto è normale che ci scappi, mica dovete vergognarvi per questo. E poi, si sa, frequentare brutta gente e restare puliti è difficile…

  8. Caro Rob, purtroppo la realtà è diversa dalla fantasia…rimetti i piedi per terra. La droga non è ne di destra ne di sinistra, tutti ne fanno uso. Forse l’unica differenza sta nella coerenza, da una parte non ci si nasconde, dall’altra si predica bene ma…

  9. A Roma é appena rimasto a terra ferito dopo una sparatoria con morto uno di casa poud. Faceva parte di un commando che ha effettuato una esecuzione. Bella gente questi fascisti del terzo millennio.

LEAVE A REPLY