Metro, otto bresciani su dieci chiedono di fare più rete. Del Bono: guardiamo ai tram

0

di Andrea Tortelli – Tra i professionisti e gli imprenditori bresciani solo una minoranza utilizza la metro. Ma in molti c’è comunque la percezione che qualcosa sia migliorato sul versante del traffico. E la stragrande maggioranza – oltre otto bresciani su dieci – ritiene che ora la vera sfida sia quella di prolungarne il tracciato oppure trovare nuove forme di integrazione con la rete urbana.

A tracciare questo quadro sono i sentiment realizzati in esclusiva per Bsnews.it dalla testata on line RealPost.it, specializzata in dibattiti e sentiment. I sentiment sono il frutto di 500 interviste telefoniche su un campione ragionato – collocato interamente nella città di Brescia e nel suo hinterland – che privilegia il mondo professionale e produttivo, in particolare artigiani, imprenditori e commercianti.

E sui sentiment di RealPost è intervenuto anche il sindaco Emilio Del Bono, che – tra le domande poste al campione del sito – ha commentato in particolare l’ipotesi del potenziamento del sistema di trasporto pubblico urbano.

“Condivido il sentiment”, ha spiegato il primo cittadino, “il trasporto su ferro va valorizzato, ma estendere la metropolitana – ipotesi molto costosa – non è l’unica soluzione. E’ possibile potenziare la rete anche attraverso un sistema di trasporto su tram. Ed è a questa opzione”, ha concluso, “che l’amministrazione di Brescia guarda con particolare interesse”.

Di seguito un breve riassunto dei risultati.

QUANTE VOLTE USI LA METROPOLITANA?

La prima domanda di RealPost riguardava la frequenza di utilizzo della metro. E qui i dati lasciano poco spazio alle interpretazioni. Soltanto il 2,8 del campione ha dichiarato di utilizzare giornalmente il metrobus, il 26,1 una volta alla settimana, il 71,1 mai. Ma è significativa la differenza fra le categorie professionali. I meno inclini all’utilizzo del mezzo pubblico sono imprenditori e commercianti: complessivamente solo il 21,7 lo fa ogni giorno o una volta alla settimana. Mentre i più aperti sono i professionisti, con una media del 31,3 per cento, che sale al 38,2 tra gli avvocati.

LA METRO PORTA BENEFICI SU TRAFFICO E PARCHEGGI?

Pur utilizzando poco il mezzo pubblico, una buona fetta di imprenditori e professionisti bresciani è convinta che la partenza della metro abbia influito positivamente sulla mobilità cittadina, favorendo la riduzione del traffico e aumentando la turnazione dei posti auto nel centro. Di questa opinione è il 26,9 per cento del campione di RealPost, percentuale che sale al 33,7 per cento tra imprenditori e commercianti. Mentre i più scettici sono gli artigiani, con il 21,7 per cento.

METRO, BISOGNA ESTENDERE LA RETE

Alla domanda “Pensi che allargare le linee verso comuni della periferia o fare nuove tratte in città (anche con tram) sia un investimento positivo e necessario?” il campione di RealPost ha risposto con un plebiscito. Ben l’84,3 per cento dei bresciani, infatti, ha risposto affermativamente. Mentre i no sono soltanto il 7,6 per cento (8,1 per cento i non so). I più convinti della necessità di allargare la rete sono i professionisti: qui la percentuale sale al 89,2 per cento per arrivare fino al 95,2 per cento tra gli avvocati.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Pienamente d’accordo. Per come stanno oggi le cose e i conti del Comune sarebbe troppo oneroso e rischioso ributtarsi in un investimeno di miliardi di euro per allungare l’attuale tracciato metropolitano, molto meglio pensare alla soluzione tram. Bravo, sindaco

  2. ma dai…brao ‘ndoe? Il suo predecessore Corsini poteva tranquillamente far risparmiare ai bresciani soldi e dieci anni di cantieri e realizzare una rete tramviaria con la metà degli investimenti…e dei debiti!

  3. siete sempre tutti bravi a giudicare, vorrei vedervi ad amministrare una città e prendere decisioni, cmq…perché non vi candidate voi la prossima volta, sapientini???

  4. Mi fa riflettere che uno su quatro dica che ci sono stati benefici sul traffico… Gli unici benefici lòi ha portati la crisi sul traffico!!

  5. Visto che non riescono a pagare i debiti e che la gestione sarà sempre in passivo …Toh hanno scoperto, a danno ,i tram elettrici, quale lungimiranza la politica tutta bresciana: bastava ascoltare i cittadini bresciani!!!….quan do si dice la pochezza dei politici

  6. finchè lo stipendio dei politici (anche bresciani) e i soldi amministrati da loro li pagherò io, sarò sempre libero di criticarli

  7. Sarebbe stato interessante capire quale direttrice i lettori del sito trovavano più utile… Io penso che verso Nord sia l’unica interessante….

  8. Dopo aver buttato un miliardo (calo traffico 2% con aiuto della crisi) scoprono che il tram costa un decimo e non indebita i nostri nipoti. I bresciani che li votano(i partiti intendo)possono essere contenti e sentirsi anche loro furbi.

  9. Complimenti per il ponte di Messina bresciano al Pd-Corsini ed al pdl-Paroli. Entreranno anche loro nella storia……della mala politica-grandeur a spese dei bresciani

  10. Attacchiamoci al tram: ecco, questa è davvero l’espressione di sintesi della situazione presente e futura, in tutti i sensi.

  11. mah sembrano quei sondaggi coomissionati da chi , che poi non ne azzeccano mai una , 8 su 10 a favore ? ahahah e’ una barzelletta , rifacciamo un altro referendum e scommetto che non arrivano a 2 su 10

  12. Buona idea ma a mio avviso è più lugimirante e accattivante una seconda linea metro…magari esterna come un tram..magari lo stesso percorso ma dagli studi emerge che la metro ha più appeal del tram e diciamolo pure..meglio avere due linee che si intersecano rispetto ad una

LEAVE A REPLY