MusicalZoo Festival, il Piccolo Miglio in mostra con 030_2.0 arte da Brescia

0

030_2.0 arte da Brescia è una mostra collettiva che presenta una ventina di artisti bresciani (operanti sul territorio o provenienti dalla città) che si sono distinti a livello nazionale ed internazionale e selezionati dalla divergente sensibilità di Fabio Paris (Co-fondatore del Link Art Art Center e Dario Bonetta di A+B contemporary art) ambedue operanti sul territorio di Brescia.

 

Nel 2003 la versione 1.0, curata da Fabio Paris e Francesco Tedeschi, vide come protagonisti alcuni degli artisti bresciani ora riconosciuti ed affermati a livello internazionale. Come più di 10 anni fa 030_2.0 Arte da Brescia propone una panoramica dove il luogo di nascita, di crescita o di azione degli artisti rappresenta il punto di incontro tra autori e storie personali.

La mostra sarà presentata nel Piccolo Miglio del Castello di Brescia, luogo particolarmente adatto ad accogliere progetti d’arte contemporanea in tutte le sue espressioni. Sono stati selezionati un totale di 20 artisti, così come era accaduto nella prima edizione, di cui sono state mantenute alcune caratteristiche: oltre al numero e al criterio di provenienza geografica, la volontà di offrire una panoramica di tipologie espressive e linguaggi artistici: dalla pittura alla scultura, dalla fotografia al video, dalla sound art all’installazione.

Per l’occasione verrà prodotto un catalogo edito in versione digitale book on-demand (acquistabile online), ed una versione per eBook, tablet, smartphone e pc, issue.

La collaborazione con il MusicalZOO, affermato festival di musica e arte che da anni anima il Castello di Brescia, crea una potente commistione tra le arti visive, performative e sonore. Mercoledì 23 luglio, ore 18:30, giorno dell’inaugurazione, sarà infatti occasione per unire la visita alla mostra ad una serata di performance sonora di Francesco Fonassi con Tonylight di particolare rilievo in una festa di inizio festival che coinvolgerà gli spazi contigui della Fossa Viscontea del Castello di Brescia.

Gli artisti invitati dai curatori presenteranno opere inedite ed appositamente pensate per l’evento espositivo. Si tratta di: Silvia Beltrami, Antonio Cavadini (aka Tonylight), Francesco Fonassi,  il trio di artisti Giovanni Fredi – Giorgio Mininno – Carloalberto Treccani, Marco Gobbi, Giorgio Guidi, IOCOSE, Marco La Rosa, Claudia Lauro, Francesca Longhini, Luca Macauda, Filippo Minelli, Elena Monzo, Bruno Muzzolini, NoiSeGrup, Marta Pierobon, Marta Roberti, Daniele Salvalai, Sara Scaramelli, Massimo Uberti

Che accomuna la ricerca Silvia Beltrami, Claudia Lauro, Elena Monzo e Sara Scaramelli è l’esprimere attraverso strumenti diversi, ma dominati dalla pittura, l’universo femminile usandolo come pretesto per indagare in senso più ampio il comportamento dei nuclei sociali che compongono la società contemporanea, partendo dall’universo personale e famigliare per arrivare a community temporanee e spontanee della rete.

L’attenzione alle dinamiche sociali rappresentate e prodotte dalla rete e dall’universo tecnologico accomuna il progetto a 6 mani di Giovanni Fredi, Carloalberto Treccani e Giorgio Mininno il cui focus è centrato sulla rappresentazione della violenza come gioco. Nel medesimo ambito di ricerca rientra il progetto fotografico e video di IOCOSE orientato alla definizione di possibili stilemi di comportamento da parte dei droni che si sostituiscono all’occhio umano ritraendosi attraverso una serie di selfie.

 

Da annoverare come ricerca antropologica quella di Giorgio Guidi e Marta Pierobon che si caratterizza per la costruzione di particolare verosimiglianza di un universo nascossto e profondo a cui tutti apparteniamo. In altra direzione invece il lavoro inedito di Filippo Minelli che presenta per la prima volta a Brescia il frutto della sua recente residenza d’artista al Gyeonggi Center in Corea: questi nuovi lavori hanno l’intento di visualizzare il silenzio come una forma fisica del paesaggio.

Dall’approccio concettuale o filosoficamente fondato è la ricerca di Marco La Rosa, Marta Roberti e Francesca Longhini. I tre artisti, con strumenti del tutto diversi quali disegno, installazione e pittura, conducono lo spettatore all’interno dei propri lavori la cui materia è plasmata dalla contrattazione con il pensiero, per sua natura immateriale ed imperituro.

Provenienti dalla terra, diversamente intesa, sono i lavori di Daniele Salvalai e Luca Macauda. Il primo nella sua scultura tende alla rappresentazione della terra, ovvero del paesaggio, come luogo di sfide perdute. In mostra infatti K2 (meteorite) una scultura di grandi dimensioni che rappresenta in ferro la sintesi computerizzata della montagna più produttrice di vittime per la sua conquista. Luca Macauda invece parla della sua terra, la Sicilia, terra usata dalle civiltà pre-greche per la produzione dei propri crateri, azione sintetizzata nell’uso del pastello secco.

Sculture sonore sono invece quelle presentate da Francesco Fonassi che propone un recente progetto in cui chiede aiuto alla tecnologia per la realizzazione di uno strumento musicale impossibile ed uscito dalla radicale immaginazione dell’artista. Atonio Cavadini (aka Tonylight), artigiano della tecnologia, mette in discussione la tecnologia stessa portandola all’errore sviscerando la possibilità poetica al di fuori dei sistemi automatizzati imposti.

Ponte tra la prima edizione di 030 Arte da Brescia e 030_2.0 Arte da Brescia sono Bruno Muzzolini e Massimo Uberti presentano la loro ormai affermata ricerca. Il primo con la presenzione di opere che fanno dell’arte una disciplina resistente alle convenzioni ed alle costrizioni del mondo in cui viviamo. Massimo Uberti fa dell’arte una ragione utopica in altra direzione, in quella di costruttrice di possibili mondi ideali attraverso la materia luminosa del neon.

Comments

comments

LEAVE A REPLY