Ospedale Gardone Val Trompia, Rolfi e Rizzi: Presidio importante, dalla Regione piena valorizzazione

0

Si è svolta nella mattinata di oggi la visita all’ospedale di Gardone del vice capogruppo della Lega Nord, Fabio Rolfi e del Presidente della commissione sanità di Regione Lombardia, Fabio Rizzi. “Questa visita – spiegano Rolfi e Rizzi – si è svolta alla presenza del direttore generale dell’azienda ospedaliera di Brescia, Ezio Belleri e dei dirigenti del presidio di Gardone ed è stata utile per comprendere a pieno le potenzialità di questa struttura. Abbiamo preso atto di una realtà molto importante per la Val Trompia, come dimostrato dagli oltre 25 mila accessi annui ad un pronto soccorso che svolge un lavoro fondamentale di presidio territoriale, fortemente integrato con la medicina generale e con la presenza di reparti dalla notevole qualità professionale. Si tratta di una realtà sulla quale la Regione ha deciso di investire, come confermato dallo stanziamento in corso proprio sul pronto soccorso, risorse che contribuiranno a qualificare notevolmente il servizio.

 

Più in generale, nell’imminente riforma sulla Sanità, presidi come quello del nosocomio di Gardone Val Trompia saranno certamente (e ulteriormente) valorizzati, in particolare in ambiti importanti quali le cure intermedie, l’assistenza riabilitativa e post-acuti, la gestione della rete territoriale dei servizi e la presa in carico dei paziente, specialmente quelli cronici.

Si tratterà di un salto di qualità non indifferente per una Sanità che dovrà il più possibile integrarsi sul territorio, proprio per rispondere alle reali esigenze dei cittadini, un insieme di servizi che quindi non potranno prescindere dall’esperienza di realtà importanti – concludono Rolfi e Rizzi – e profondamente inserite come quella di Gardone Val Trompia.”

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Ma chi credono di essere questi ,leghisti?!Credono che la sanità sia roba loro solo perché il nano Maroni alza la voce.L'ospedale di Gardone non Lo hanno fatto i leghisti .

LEAVE A REPLY