Diniego discarica Bosco Stella, Pd: un successo corale

0

Con un comunicato la segreteria del Pd di Brescia esprime la propria soddisfazione per la notizia di preavviso di diniego da parte di Regione Lombardia sulla realizzazione della discarica Bosco Stella.

DI SEGUITO IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO:

Apprendiamo con soddisfazione la comunicazione di preavviso di diniego che Regione Lombardia ha esteso in riferimento alla procedura di compatibilità ambientale per la discarica “Bosco Stella”.

Per anni, come Federazione Provinciale del PD, abbiamo sostenuto le istanze di contrarietà al progetto delle comunità di Paderno F.C., Passirano, Castegnato e Ospitaletto che ne hanno denunciato a più riprese l’insostenibilità ambientale.

Abbiamo fornito il nostro supporto agli amministratori locali che egregiamente in questa lunghissima procedura hanno rappresentato le istanze dei loro concittadini insieme ai comitati spontanei e alle realtà ambientaliste.

Riteniamo doveroso ringraziare per il loro contributo anche tutti i consiglieri provinciali e regionali democratici che in questi otto anni, assieme ai nostri Sindaci, amministratori e ai nostri Circoli hanno portato all’interno delle istituzioni e nella comunità istanze e proposte alternative del territorio. Quante convocazioni di commissioni e relative audizioni sono state possibili grazie a loro.

Ci auguriamo che questo pronunciamento porti, in tempi rapidi, alla definitiva archiviazione della domanda di discarica con un occhio di riguardo al recupero dell’area. I Comuni hanno avanzato delle proposte concrete che meritano di essere prese seriamente in considerazione.

Proprio partendo da questa vicenda auspichiamo che Regione Lombardia, in tempi rapidi, sappia approvare la nuova legge regionale sull’attività estrattiva che da troppo tempo giace all’attenzione della giunta. Senza una seria programmazione dei quantitativi da estrarre e delle regole certe sulle destinazioni finali dei bacini attualmente nel bresciano ogni cava di ghiaia non in falda rischia di diventare una nuova “Bosco Stella.”

Comments

comments

1 COMMENT

  1. C’eri tu alle commissioni provinciali e regionali convocate su richiesta dei consiglieri democratici per questa istanza (come per molte altre)?
    Le hai lette le proposte di modifica della legge regionale che regola l’attività da cava, motivo di tantyi disastri in termini di autorizzazioni per successive discariche?

  2. Forse io parlo a vanvera, ma i documenti attestano i fatti: questo è un estratto del provvedimento di VIA con il quale nel 2008 si autorizzava la discarica PROFACTA. Quello che ha fatto il PD, allora al governo di questa città, non lo dico io ma è scritto chiaramente.

    5823 03/06/2008

    Identificativo Atto N. 432

    DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA

    PROGETTO RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI UNA DISCARICA MONOTIPO AMIANTO (CER 170605) DA REALIZZARSI IN COMUNE DI BRESCIA.COMMITTENTE: PROFACTA S.P.A.PRONUNCIA DI COMPATIBILITA’ AMBIENTALE AI SENSI DELL’ART. 7 DEL D.P.R. 12.04.1996, IN CONFORMITÀ AGLI ARTICOLI 4, COMMA 1 DEL D.LGS. 16 GENNAIO 2008, N. 4, E 35, COMMA 2 TER, DEL D.LGS. 152/06, COSI’ COME SOSTITUITO DAL D.LGS. 4/08

    IL DIRIGENTE DELLA STRUTTURA VALUTAZIONI DI IMPATTO AMBIENTALE ……………

    ….. …… VALUTATI i seguenti pareri degli Enti territoriali interessati dal procedimento, pervenuti
    durante l’iter istruttorio e/o depositati nella seduta della Conferenza di Concertazione tenutasi
    in data 09.10.2007, ai sensi dell’art. 5 del d.p.r. 12.04.2006:
    Comune di Brescia: ha anticipato una nota nella quale, in particolare, apprezza lo sforzo progettuale mirato a coniugare, in tema di pendenze, le diverse esigenze in gioco avanzate dal Comune e dalla provincia, la prima definita dalla normativa vigente in materia di campi da giuoco e l’altra dettata dalle norme relative agli strati di copertura delle discariche…e…pre nde atto che la realizzazione di strutture sportive sul sedime di deposito dei rifiuti non interferisce con il piano di gestione post operativa della discarica e si accoglie favorevolmente la disponibilità della Ditta ad individuare nel dettaglio le più idonee soluzioni progettuali per garantire la destinazione finale del sito. Considerata
    l’assenza della Provincia alla conferenza di concertazione, si riserva di esprimere un successivo parere di competenza, poi non pervenuto.

  3. Aggiungo ancora una cosa, sempre sulla discarica di amianto: all’ultima conferenza dei servizi, quella che si è tenuta il 12/06/2014, l’unico consigliere presente era Maccabiani del M5S. Di consiglieri PD neanche l’ombra. Sicuramente stavano facendo qualcosa di meglio, sta di fatto che l’unica voce "politica" è stata quella di un grillino.

LEAVE A REPLY