Supermarket Brescia: tante le richieste per i nostri giocatori

0

Corioni lo aveva detto a più riprese: per salvare la squadra sarò costretto a vendere alcuni gioielli. Passata la paura, e rivoluzionata la situazione societaria, rimangono da parte dei tifosi i timori circa una possile cessione di alcuni dei giocatori più appetibili sul mercato. Se, in prospettiva, sarebbero dolorose le cessioni dei giovani del vivaio, su tutti il portiere Stefano Minelli e il centrocampista Leonardo Morosini, per il campionato cadetto ormai alle porte sarebbe dolorosissima la vendita di alcuni dei punti fermi sui quali sta costruendo la squadra mister Iaconi.

I due giovani gioielli sarebbero stati chiesti alla società da parte del Genoa, affrontato sabato sera in amichevole al Rigamonti. In particolare il portiere, classe 1994, potrebbe sostituire Mattia Perin che ha ricevuto richieste da parte di numerose formazioni, soprattutto straniere. Richieste ci sarebbero anche per Leonardo Morosini, per il quale la Spal avrebbe sondato il terreno con il Brescia.

I titolari finiti sul taccuino dei direttori generali sono invece Di Cesare, chiesto dal neopromosso Perugia, che avrebbe bisogno di esperienza in difesa, e Scaglia, chiesto con insistenza dal Latina, disposto a uno scambio con Mario Beretta. Senza dimenticare ovviamente Caracciolo, che però di dice non attratto dalle sirene (contratto di tre anni a diverse centinaia di migliaia di euro) palermitane.

Sicuri, nel frattempo, gli addii di Kukoc, che passa al Cska Sofia (a titolo gratuito, con risparmio sullo stipendio per le Rondinelle), e Marko Mitrovic, al quale il Brescia vuole rescindere il contratto. Gli altri esuberi, che si stanno allenando al San Filippo con Sodinha (leggi la notizia), sono Antonio Caracciolo, Marco Martina Rini, Nicolò Ragnoli e Nicola Lancini. 
(a.c.)

Comments

comments

LEAVE A REPLY