Prostituzione, giro di vite a Sarezzo: multe anche a chi accosta la macchina

0
Bsnews whatsapp
Il Comune di Brescia ha fatto scuola, e a distanza di alcuni anni anche quello di Sarezzo adotta misure simili per combattere un fenomeno che non passa mai di moda, la prostituzione lungo le strade. 
 
Tutto è partito da alcune segnalazioni dei residenti che, dopo un periodo di assenza, hanno riscontrato la presenza di lucciole nella zona di via Repubblica. Il sindaco Diego Toscani dopo essersi consultato con la Giunta e le forze dell’ordine ha emesso un’ordinanza che di fatto vieta qualsiasi atteggiamento in qualche modo riconducibile all’attività delle prostitute e a coloro che ne usufruiscono, non fosse altro che la semplice fermata delle auto per scambiare due parole. 
 
Nell’ordinanza si legge: «Rilevato che la prostituzione sulla pubblica via desta vivissima preoccupazione e allarme nella collettività e si qualifica come fenomeno che, oggettivamente e fortemente, pregiudica le condizioni di vivibilità dei cittadini residenti e che costituisce un elemento di grave turbativa e insicurezza, si riscontra la necessità di intervenire per impedire che il fenomeno possa ulteriormente aumentare».
 
Le multe, che vanno dai 25 ai 500 euro, saranno staccate a lucciole e clienti dalla Polizia Locale (da lunedì a sabato in orario diurno) o dai Carabinieri (in orario serale e nel fine settimana).
(a.c.) 
 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Affermo che le Ordinanze Sindacali ed i Regolamenti di Polizia Urbana devono essere conformi ai principi generali dell’Ordinamento, secondo i quali la prostituzione su strada non può essere vietata in maniera vasta ed indeterminata. Di conseguenza, i relativi verbali di contravvenzione possono essere impugnati in un ricorso. In più per le medesime ragioni, i primi provvedimenti suddetti non possono essere emessi per problematiche permanenti ed i secondi non possono riguardare materie di sicurezza e/o ordine pubblico.

  2. bene !! tutte le notti subiamo centinaia di furti e rapine senza essere tutelati e la priorita è la caccia a chi vuole andre con una mignotta ?? che tristezza !!! non sono tutti benestanti come certi politici che la battona se la fa consegnare a domicilio !!!

  3. cosa non fanno i residenti , non vedono una trave nel loro occhio ma la pagliuzza in quello degli altri….che gliene frega ? forse pensionati che non hanno niente da fare che stare dietro le finestre a spiare i puttanieri … e se scambiano due parole con loro non possono ? ma chi l’ha detto , perchè ? si fà il processo alle intenzioni ? ma non avete un c……..da fare di meglio ?

RISPONDI