Un orso da un quintale avvistato a Tremosine

0

Una piacevole sorpresa. Certo la reazione sarebbe stata differente se anziché fotografarlo in automatico, di notte, se lo fosse trovato di fronte in pieno giorno, ma l’emozione e la sorpresa non sono da meno. Il curioso episodio è capitato a Tremalzo, nei boschi di Tremosine, ad un cacciatore-fotografo amatoriale che è solito agire nel territorio dell’Alto Garda. Incuriosito dalla possibilità di riprendere cinghiali in azione di notte, l’uomo ha posizionato su un ramo, in un punto strategico, una fotocamera a raggi infrarossi e l’ha attivata per un’intera notte, dopo aver sparso nella zona alcune ghiotte mele. Una volta spenta e portata a casa, la sorpresa è giunta al momento di controllare le riprese. Altro che cinghiali: l’attrezzo aveva immortalato un orso.

L’esemplare pesa all’incirca un quintale, ed è sprovvisto del radiocollare: si tratterebbe di un plantigrado dunque non ancora conosciuto, forse lo stesso segnalato alcune settimane fa sul monte Baldo. La Guardia Forestale è stata ovviamente informata del fatto. Laciamo alle parole del cacciatore-fotografo, intervistato sulle colonne del quotidiano bresciaoggi, il racconto: «La sera precedente ero andato con un amico a depositare alcune mele in una valletta sperando di immortalare qualche cinghiale in fotografia; era da qualche giorno che avevamo gettato le esche, e tolto qualche sporadica occasione durante qualche battuta in braccata con altri cacciatori, non ho mai avuto l´occasione di osservare un cinghiale tranquillamente al pascolo. Del resto, siccome in questi giorni è aperta la caccia anche per questa specie, ho pensato di collocare una foto-trappola sopra un faggio, per capire se gli animali potevano aggirarsi anche in quella valletta. Domenica mattina sono tornato sul posto a prelevare dal ramo la macchina digitale a infrarossi; non avevo portato con me il telecomando e non ho potuto rendermi conto subito di cos’era stato fotografato durante la notte. Arrivato a casa appena ho visto sullo schermo le fotografie sono sobbalzato sulla sedia dalla splendida sorpresa».

Il racconto dell’uomo si chiude con una speranza, che la vicenda non si chiuda tragicamente: «Bellissimo ed emozionante averlo ripreso, e ancora più bello sapere che un animale del genere si aggira sui nostri monti; speriamo davvero che durante questi mesi di caccia libera, non sia scambiato in lontananza per un cinghiale facendo la fine di Daniza».
(a.c.) 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome