L’approfondimento su Cepav Due, cave di prestito e scarti di acciaieria

0

Alcuni materiali per approfondire la questione. I tre box di seguito evidenziano la composizione del consorzio Cepav Due, in cui il pubblico ha un ruolo determinante, le norme regionali perché si possa far ricorso straordinario a cave di prestito e le caratteristiche dello scarto di lavorazione delle acciaierie che può essere utilizzato per i sottofondi stradali.

IL GENERAL CONTRACTOR

Il consorzio Cepav Due, Consorzio Eni per l’Alta Velocità, nella qualità di General Contractor, si occupa della realizzazione della Linea Ferroviaria ad Alta Velocità / Alta Capacità Milano-Verona. E’ attualmente costituito dalle società: saipem S.p.A.,Gruppo eni, ( 52%), Impresa Pizzarotti & C. S.p.A. di Parma (24%), Società Italiana per Condotte d’Acqua S.p.A. di Roma (12%), Impresa di Costruzioni Giuseppe Maltauro S.p.A. di Vicenza (12%)

ATTIVAZIONE DELLE CAVE DI PRESTITO

Norme regionali evitabili grazie al decreto ministeriale. L’autorizzazione all’esercizio delle cave di prestito è subordinata: a) all’impossibilità della riutilizzazione in loco dei quantitativi di materiale estratto durante gli scavi, in quanto non idoneo od insufficiente secondo quanto previsto dall’articolo 4, comma 3 della “direttiva per i casi in cui dalla realizzazione di opere pubbliche vengano ottenuti materiali di risulta”; b) all’impossibilità di riutilizzare materiale di risulta proveniente da altre opere realizzate dallo stesso ente appaltante, secondo le disposizioni contenute nell’articolo 3, comma 3 della “direttiva per i casi in cui dalla realizzazione di opere pubbliche vengano ottenuti materiali di risulta”; c) all’inapplicabilità della "direttiva per la realizzazione del sistema di riutilizzo degli inerti con particolare riferimento a quelli derivanti dall’edilizia”; d) alla non possibilità di utilizzare materiale in commercio, in riferimento a quanto previsto nell’articolo 3, comma 1, lettera c).

INERTE INDUSTRIALE A PARTIRE DA SCORIE DI FUSIONE

Le più attente acciaierie bresciane, hanno a disposizione come “inerte”, un materiale generato da attività di recupero di scorie nere di Acciaieria regolarmente autorizzato, che presenta composizione e caratteristiche chimiche similari alle rocce di origine vulcanica, data l’elevata temperatura del processo di fusione che le origina, con procedure certificate e costantemente monitorate. Questo materiale inerte risponde alle caratteristiche specifiche previste dalla normativa vigente, il cui utilizzo è auspicato da tutte le direttive ambientali nazionali ed europee, non rilasciando nessun tipo di sostanza inquinante, come a più riprese certificato dagli Enti preposti.       

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Vi ricordate Locatelli e la Brebemi, aveva utilizzato scorie trattate: una delle due 1) Poi che c’è chi fa il furbo e scredita gli onesti; 2) L’apparato burogiudiziario (insieme di norme astruse e giustizia italica) fa si che anche quando le cose vanno bene, c’è un motivo per rovinarti e rovinare la reputazione di tutti. RIFLETTETE PERCHE’ POI CI FANNO LE CAVE DI PRESTITO

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome