Scontri, Beccalossi (FdI): vicina agli agenti feriti, sono lavoratori come gli altri

0
Bsnews whatsapp

"Io sto dalla parte delle forze dell’ordine. Senza  ‘se’ e senza ‘ma’. Chi non rispetta le regole e, con violenza e arroganza, si scaglia contro carabinieri e polizia ha torto in partenza. Per questo esprimo la mia assoluta vicinanza agli agenti delle forze dell’ordine feriti oggi a Brescia". Viviana Beccalossi, assessore regionale al Territorio della Lombardia e dirigente di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale, oggi presente all’incontro organizzato a Brescia dall’Associazione Industriali Bresciani con il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, commenta così la notizia relativa agli scontri avvenuti in città a margine dell’evento, nel quale sono rimasti feriti un carabiniere e un poliziotto. "Due lavoratori – aggiunge Viviana Beccalossi – che, come la stragrande maggioranza dei loro colleghi, per 1.200 euro al mese, si impegnano quotidianamente per garantire la legalità, senza rappresentare alcuna parte politica ma solo ed esclusivamente lo Stato italiano".

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Brava Beccalossi !!!!! Hai proprio ragione !!!! Sei una delle poche che ha il coraggio di esprimere le proprie idee in maniera chiara difendendole e senza paura !!!! Brava , brava , ti ammiro !!!!

  2. Verissmo: le forze dell’ordine sono impegnate quotidinamente per difendere la legalità. Però, visto che fa politica da quando aveva quattordici anni, ricordiamo alla Signora Beccalossi che anche lei avrebbe potuto e dovuto battersi ogni giorno per garantire la legalità. Siamo non a caso uno dei Paesi al mondo con il più alto tasso di corruzione poltica, uno dei Paesi in cui l’affarismo politico-clientelare sottrae qualcosa come settanta miliardi all’anno alle casse dello Stato. Signora Beccalossi, lei è riuscita ad essere persino paralmentare e coordinatrice provinciale del PDL, si è fatta sponsorizzare alle elezioni bresciane personalmente dl pregiudicato Berlusconi, è stata ai vertici dello stesso partito dei Previti e dei Dell’Utri, dei Verdini e dei Cosentino, ha visto da vicino pregiudicati, indagati e corrotti. Lì dentro, o a fianco di lorisignori, poteva alzare la voce in nome dellla legalità da difendere quotidianamante. Ah, già, mi scusi, oggilei è una dei leader di "Fratelli d’Italia"…

RISPONDI