Sicurezza, Rolfi: Del Bono si crede Giuliani ma è come Marino. Anzi peggio

0
Bsnews whatsapp

“Con le chiacchiere e le prediche non si garantisce la sicurezza. I dati e l’opinione prevalente dei bresciani bocciano su tutta la linea l’azione della Giunta sul versante sicurezza, come del resto era prevedibile.” Così Fabio Rolfi, Consigliere regionale della Lega Nord ed ex Assessore alla sicurezza della Città di Brescia, commenta l’autodefinirsi di Del Bono come il Rudolph Giuliani bresciano.

“Del Bono – prosegue Rolfi – vive di auto-esaltazione e si sente una sorta di Rudolph Giuliani nostrano, dimenticandosi che quello era il sindaco della tolleranza zero, mentre lui è il sindaco dell’accoglienza indiscriminata, dei vigili declassati ad ausiliari del traffico e dei campi nomadi a carico dei bresciani. Un sindaco rammollito e prigioniero di un’amministrazione ideologica e buonista che non è in grado di leggere i problemi sociali di oggi ed affrontarli con la necessaria fermezza.”

“Bisogna ritornare alle politiche della Giunta di centro-destra, le stesse che questa amministrazione ha smantellato; riproporre un’azione più decisa della polizia locale sul versante dei controlli agli stranieri, contro la clandestinità e contro lo spaccio. Servono nuovi investimenti per potenziare la video sorveglianza, riprendere la politica di chiusura dei campi nomadi tornati a crescere anziché sparire, e ancora più severità nel far rispettare i regolamenti esistenti che ad oggi giacciono inapplicati. Ad oggi la polizia locale è umiliata e abbandonata a se stessa da una amministrazione comunale che la vede con un fastidio, a dimostrazione della limitatezza politica di questa Giunta. Serve inoltre una politica meno buonista, che attiri meno stranieri, questo perché Brescia è ormai satura e i bresciani sono stufi di questa situazione.”

“Infine – conclude Rolfi – ci si chiede dove sia finita la progettualità per il risanamento dei quartieri degradati, come via Milano, vere e proprie bombe sociali che presto o tardi esploderanno come Tor Sapienza a Roma. Viene da chiedersi quali siano i progetti seri e concreti di questa amministrazione. Ma soprattutto se Del bono sia consapevole che il suo Premier ed il suo partito al Governo stanno tagliando le forze dell’ordine in città, come ad esempio la chiusura della sede della Polfer in Stazione."

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Del Bono si crede Giuliani ? Sì, quello dell’amaro medicinale che si comprava in farmacia ma che, un tantino alcoolico, non si sa bene perchè facesse molto bene al fegato…

RISPONDI