Attraversa senza accorgersi del treno in arrivo: muore così una 18enne di Calvisano

0
Bsnews whatsapp

Doveva raggiungere il treno che l’avrebbe portata a casa. Forse era in ritardo ed ha voluto accorciare i tempi, forse era distratta, forse stava chiacchierando con la cugina al suo fianco, o ha semplicemente sottovalutato la velocità del treno in arrivo. Non sappiamo esattamente com’è andata, dobbiamo solo accettare il dolore per la perdita della morte di una 18enne, investita e uccisa da un treno merci diretto a Venezia.

La tragedia si è verificata ieri intorno alle 21 nella stazione ferroviaria di Brescia. A perdere la vita una 18enne di origine nordafricana ma cittadinanza italiana, residente a Calvisano, dove era diretto il Brescia-Parma delle 20:54 sul quale avrebbe dovuto salire. Il convoglio viaggiava a una velocità compresa tra gli 80 e i 100 chilometri orari, come da programma. Al macchinista, molto scosso per l’accaduto, non si può muovere alcuna accusa, ha semplicemente visto il corpo della ragazza volare dopo l’impatto, ed atterrare a molti metri di distanza. Per comprendere la difficoltà di rallentare un treno merci del genere va detto che nonostante il macchinista abbia prontamente frenato, il treno si è fermato solo dopo oltre 500 metri.

Nonostante il terribile impatto la 18enne non è morta sul colpo: il suo corpo è stato prontamente soccorso e rianimato. Quando è giunto in Poliambulanza il cuore batteva ancora, ma solo per poco, poi i medici hanno dovuto arrendersi alle troppo gravi ferite interne. Nel frattempo anche la cugina si è sentita male, per lo shock, ed è stata portata alla Città di Brescia.

La povera ragazza aveva compiuto 18 anni solo pochi giorni fa. La sua morte va ad aggiungersi a quella di un’altra giovane, morta in un incidente stradale solo mercoledì.
(a.c.) 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Povera ragazza, cosí giovane, tutti la descrivono come piena di vita e di gioia, generosa e altruista. Era diventata cittadina di italiana da pochi mesi, voleva diventare operatrice sociale studiava per questo. Un sogno si é infranto in un momento, ma ti ricorderemo Manuela. UN abbraccio.

RISPONDI