Mompiano, finisce in pareggio tra l’An Brescia e Olympiacos

0

Per tre tempi, l’An Brescia riesce a star davanti a un Olympiacos davvero di alto livello, ma, alla fine, l’esordio nella Champions League 2014/2015, finisce in pareggio: a Mompiano, il match d’apertura della fase a gironi della massima rassegna europea, termina 9 a 9 (2-2, 3-0, 2-3, 2-4, i parziali). Anche se un po’ di rammarico ci può stare – fino a 26 secondi dalla fine, le calottine bresciane erano sul più uno -, va senz’altro considerato che l’ultimo punto della forte squadra greca, è stato il frutto di un’autentica prodezza balistica da parte di un giocatore di valore come Ioannis Fountoulis. Per oltre metà gara, Presciutti e compagni si sono battuti esprimendo un buon pressing in difesa e concretizzando una buona parte del gran lavoro in attacco (al cambio di panchina, il massimo vantaggio, 5-2). Nella penultima frazione, l’An ha dimostrato di saper controllare la reazione dei greci, arrivando al quarto tempo ancora avanti di due; a quel punto, sono sopravvenute alcune sbavature difensive che, combinate a qualche situazione poco fortunata (almeno tre i gol dell’Olympiacos viziati da deviazioni accidentali), hanno permesso agli ospiti di colmare il divario. Riguardo alle statistiche, 8 su 14 le superiorità numeriche dell’A, 7 su 12, quelle del team ateniese: in apertura dell’ultimo periodo, Marco Del Lungo ha parato un rigore al mancino Blai Mallarach.

«Complessivamente – dichiara il tecnico bresciano, Sandro Bovo -, la prestazione è stata buona, peccato per aver mancato la vittoria di un soffio. Abbiamo difeso male a fine partita, concedendo qualche espulsione di troppo. Non c’è dubbio, dobbiamo crescere, li abbiamo distanziati due volte e ci hanno ripreso due volte; dovevamo essere più incisivi, abbiamo subito troppo il loro pressing nel terzo e nel quarto tempo».

«Il risultato – queste le parole del difensore dell’An, Nicholas Presciutti – lascia un bel po’ di amaro in bocca: per oltre due tempi, abbiamo lavorato tanto, e bene, arrivando sul più tre, poi, però, abbiamo sbagliato qualcosa in difesa, favorendo la loro rimonta. Anche la sfortuna c’ha messo del suo: va be’, questo pareggio ci deve servire da lezione».      

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome