Al Sociale debutta l’epopea di Gilgamesh

0

Debutta giovedì 11 dicembre 2014, al Teatro Sociale di Brescia, alle ore 20.30 Gilgamesh di Letizia Russo, diretto da Pietra Selva, che ne ha curato anche l’elaborazione drammaturgica. Prodotto per la stagione di prosa 2014/2015 dal CTB Teatro Stabile di Brescia è fatto in collaborazione con Viartisti Teatro.

Letizia Russo, drammaturga di talento, emersa giovanissima ed allenata a lavorare sulle potenzialità degli attori, affronta l’epopea sumerica del re Gilgamesh, che risale a quattromila anni fa. Un eroe, Gilgamesh, re della città di Uruk, ha tutto quello che un uomo può desiderare. E’ potente, è giovane e forte. Ma è anche prepotente, motivo per il quale gli abitanti di Uruk implorano gli dei di trovare un antidoto ai suoi abusi di potere. E gli dei, pronti a tutto pur di dormire sonni tranquilli, danno vita a Enkidu, il nemico perfetto. Ma la lezione che gli dei hanno immaginato per Gilgamesh è più profonda: il nemico diventa amico, e il mondo un luogo da conoscere e sfidare insieme a qualcuno. Ma il senso del passaggio di Enkidu sulla terra è mostrare a Gilgamesh il limite estremo, quello contro cui niente e nessuno può nulla: la morte. Perso Enkidu, la vita di Gilgamesh diventa un lungo viaggio attraverso deserti, acque mortali, giardini di pietra, attraverso il buio, alla ricerca dell’unico che può dare una risposta, Utanapisti l’unico uomo a cui gli dei hanno elargito il melanconico dono della vita eterna. Al suo ritorno ad Uruk, Gilgamesh, non avrà aggiunto giorni alla vita, ma vita a giorni. In scena Massimo Verdastro, Domenico Castaldo, Gloria Liberati, Raffaella Tomellini, Marco Intraia.

Lo spettacolo replica venerdì 12, sempre alle ore 20.30 ed è inserito nel calendario della rassegna Altri Percorsi promossa dalla Regione Lombardia e Circuiti Teatrali Lombardi.

Comments

comments

LEAVE A REPLY